Tutti a scuola, venerdì 15 settembre si torna in classe

Per l’anno scolastico 2023/2024 gli studenti iscritti alle scuole superiori di Modena sono 35.886 studenti con un incremento complessivo di 774 alunni distribuiti in 1.549 classi. Gli aumenti più significativi si registrano nel distretto di Modena con un incremento di 327 alunni per un totale di 15.544 e su quello di Carpi, con 243 studenti in più per un totale di 4930 alunni iscritti. Dal 15 settembre torna in vigore anche l’orario scolastico del trasporto pubblico per i servizi urbani di Modena, Carpi e Sassuolo e per il servizio extraurbano.

0
260

Tutti a scuola. Venerdì 15 settembre si torna in classe in Emilia-Romagna. Per l’anno scolastico 2023/2024 gli studenti iscritti alle scuole superiori di Modena sono 35.886 studenti con un incremento complessivo di 774 alunni distribuiti in 1.549 classi.  Gli aumenti più significativi si registrano nel distretto di Modena con un incremento di 327 alunni per un totale di 15.544 e su quello di Carpi, con 243 studenti in più per un totale di 4930 alunni iscritti. Nel distretto di Mirandola l’incremento è di 188 studenti, per complessivi 4.269 iscritti, mentre in quello di Sassuolo ci sono 51 alunni in più su un totale di 5.425 iscrizioni. A Pavullo ci sono 43 alunni in più per complessivi 1575 studenti, mentre si registrano incrementi lievi a Vignola, con 17 studenti su 3.387 e a Castelfranco Emilia con 4 studenti su 756 iscritti complessivi. Complessivamente, gli studenti modenesi saranno distribuiti in classi 1.549 classi, 14 in più rispetto lo scorso anno, rese disponibili grazie alle riorganizzazioni interne degli istituti.

Dal 15 settembre torna in vigore l’orario scolastico del trasporto pubblico per i servizi urbani di Modena, Carpi e Sassuolo e per il servizio extraurbano. 

Anche quest’anno, grazie alle risorse aggiuntive stanziate strutturalmente dalla Regione Emilia-Romagna a partire dall’anno scolastico 2021/22, il servizio viene potenziato sulle direttrici extraurbane a maggiore frequentazione dirette ai Poli scolastici di Modena, Carpi, Sassuolo, Vignola, Mirandola e Finale Emilia. Si tratta di rinforzi sulle corse esistenti, che in collaborazione con SETA potranno essere soggetti a modifiche, in relazione ai rilevamenti puntuali della domanda che saranno effettuati dal primo giorno di scuola sia da aMo che da SETA. La pianificazione del servizio invernale è stata predisposta in funzione degli orari definitivi di lezione comunicati dagli istituti scolastici. Nel primo mese di lezione gli orari di entrata ed uscita degli studenti saranno provvisori: si potrebbero quindi determinare temporanei disallineamenti fra l’orario di inizio e fine delle lezioni e gli orari programmati delle corse. Eventuali disagi in tal senso sono quindi destinati con gradualità a risolversi con l’adozione dell’orario definitivo delle lezioni in tutti gli istituti di istruzione, ed in tal senso si chiede la collaborazione di tutte le parti interessate per arrivare a definire le migliori soluzioni.

Come sempre, SETA ed aMo garantiranno un attento e puntuale monitoraggio del servizio erogato, in particolare nelle prime settimane di lezione, per verificare l’efficacia degli accordi presi, e di conseguenza valutare eventuali adeguamenti, dove possibile.