Una falla si è aperta all’Ospedale Ramazzini di Carpi: 15 gli operatori positivi e i pazienti?

Una falla si è aperta all’Ospedale Ramazzini di Carpi. Qualcosa non ha funzionato ma ormai non si può far altro che cercare di correre ai ripari. “Sono 15 gli operatori sanitari dell’Ospedale Ramazzini di Carpi - spiega in una nota l’Ausl di Modena - risultati positivi al tampone per coronavirus tra ieri sera e la giornata di oggi". Sarebbero positivi anche vari pazienti ricoverati perlopiù nel Reparto di Medicina 1 ma l’indagine epidemiologica è ancora in corso.

0
28111

Una falla si è aperta all’Ospedale Ramazzini di Carpi. Qualcosa non ha funzionato ma ormai non si può far altro che cercare di correre ai ripari.
Almeno un paziente la scorsa settimana è stato inviato al Ramazzini come un non sospetto Covid-19 rivelandosi poi positivo ma nel frattempo, prima dell’esito del tampone e di essere messo in isolamento come richiede il protocollo, è entrato in contatto con altre persone in attesa di essere ricoverate nei vari reparti e con gli operatori. La linea del contagio è partita così. Il risultato?
“Sono 15 gli operatori sanitari dell’Ospedale Ramazzini di Carpi – spiega in una nota l’Ausl di Modena – risultati positivi al tampone per coronavirus tra ieri sera e la giornata di oggi. Si tratta di un primo bilancio del piano straordinario di test organizzato dal Dipartimento di Sanità pubblica dell’Azienda USL di Modena in seguito alla positività di un operatore sanitario del Ramazzini riscontrata nei giorni scorsi. La maggior parte degli operatori sanitari positivi sono già da alcuni giorni in isolamento domiciliare e in discrete condizioni di salute. In questo momento di emergenza, la collaborazione solidale tra gli operatori sanitari è tra gli elementi positivi che fanno sì che il sistema possa continuare a reggersi su solide fondamenta”.
Sarebbero positivi anche vari pazienti ricoverati perlopiù nel Reparto di Medicina 1 ma l’indagine epidemiologica è ancora in corso.
La falla ormai è aperta, difficile capire quali ripercussioni avrà: i pazienti positivi ora sono in isolamento, ma sarebbe ingenuo pensare che tutti gli altri ne escano immuni considerato il tasso di contagiosità di questo virus.
Per quanto riguarda il Ramazzini che, come ha annunciato il commissario ad acta Sergio Venturi è tra quelli individuati in provincia di Modena a diventare Covid-19, l’Azienda USL annuncia inoltre di stare “predisponendo una riorganizzazione dei reparti coinvolti; diversi medici specialisti dei Poliambulatori andranno in aiuto ai colleghi che forniscono l’assistenza ai pazienti ricoverati, così come numerosi infermieri di altre equipe daranno man forte dove più necessario. Un gesto non scontato che ben evidenzia l’unione d’intenti che muove i professionisti di questa azienda sanitaria nella lotta al coronavirus”.
Jessica Bianchi