Coronavirus, 2.263 i casi positivi in Emilia Romagna, 316 più di ieri

In Emilia-Romagna sono complessivamente 2.263 i casi di positività al Coronavirus, 316 in più rispetto all’aggiornamento di ieri. I pazienti in terapia intensiva salgono a 128 (16 in più rispetto a ieri). Crescono anche i decessi, che arrivano a 201: 55 in più rispetto a ieri, di cui 7 nella provincia di Modena. Modena raggiunge quota 251 contagi, 61 in più di ieri, di cui 6 a Carpi dove i casi salgono dunque a 55.

0
1963

In Emilia-Romagna sono complessivamente 2.263 i casi di positività al Coronavirus, 316 in più rispetto all’aggiornamento di ieri. Passano da 7.600 a 8.787 i campioni refertati.
Complessivamente, sono 903 le persone in isolamento a casa perché con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o prive di sintomi; quelle ricoverate in terapia intensiva sono invece 128 (16 in più rispetto a ieri). E salgono a 51 (ieri erano 43) le guarigioni, 49 delle quali riguardano persone “clinicamente guarite”.
Purtroppo crescono anche i decessi, passati da 146 a 201: 55, quindi, quelli nuovi, che riguardano 39 uomini e 16 donne. Per 24 delle persone decedute erano note patologie pregresse, in qualche caso plurime, mentre per le altre sono in corso approfondimenti epidemiologici. I nuovi decessi registrati riguardano 21 residenti nella provincia di Parma, 14 residenti in quella di Piacenza, 7 in quella di Modena, 5 in quella di Reggio Emilia, 5 in quella di Bologna, 2 in quella di Ravenna, uno in quella di Ferrara.
In dettaglio, questi sul territorio i casi di positività, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: Piacenza 710 (31 in più rispetto a ieri), Parma 518 (88 in più), Rimini  363 (51 in più), Modena raggiunge quota 251 contagi, 61 in più di ieri, di cui 6 a Carpi dove i casi salgono dunque a 55, Reggio Emilia 138 (15 in più), Bologna 155, di cui 47 del circondario imolese (complessivamente 33 in più, di cui 5 a Imola e 28 a Bologna), Ravenna 55 (14 in più), Forlì-Cesena  49 (di cui 30 a Forlì, 8 in più rispetto a ieri, e 19 a Cesena, 8 in più rispetto a ieri),  Ferrara 24 (7 in più rispetto a ieri).

Il commissario ad acta Sergio Venturi lancia poi un duplice appello: “ai medici in pensione chiedo una mano; per favore abbiamo davanti dieci giorni molto difficili, al termine dei quali, grazie alle misure prese, speriamo di poter assistere a una diminuzione del contagio. Chi può ci dia una mano. Chiedo poi alle quattro università della nostra Regione, in particolare all’Ateneo di Parma, dove la curva di crescita è molto veloce, che anticipino le laurea in Scienze Infermieristiche”.

Dispositivi di protezione
Sono stati consegnati oggi dal Dipartimento nazionale di Protezione civile, 281.500 mascherine chirurgiche e 40mila guanti in vinile a uso esclusivo di medici, infermieri e personale sanitario che saranno distribuiti secondo i criteri prefissati anche alle Case protette.