Premiato il progetto filosofico per la primaria delle maestre Enrica Malavasi e Marisa Ricci

Martedì 14 maggio, durante la serata di consegna dei premi di studio agli studenti più meritevoli stanziati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi, per la prima volta i fari si sono accesi anche sulle insegnanti con il nuovo premio dedicato alle migliori idee didattiche delle scuole di ogni ordine e grado. Tra le docenti premiate Enrica Malavasi e Marisa Ricci della Scuola primaria G. Rodari con l'innovativo progetto Nausicaa. Filosofia per creature interessanti, realizzato nell'anno scolastico 2020-2021 in pieno Covid.

0
1866
Enrica Malavasi e Marisa Ricci

Il percorso filosofico per i bambini della primaria ideato e messo a punto nell’anno scolastico 2020-’21 dalle insegnanti della Scuola primaria G. Rodari, Enrica Malavasi e Marisa Ricci, con la collaborazione del filosofo Gianluca Poggi, è stato premiato come migliore idea didattica per la primaria dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi. La cerimonia di premiazione si è svolta martedì 14 maggio, nella splendida cornice del Teatro Comunale, nell’ambito della tradizione consegna dei premi di studio agli studenti più meritevoli dalle scuole superiori in poi. La novità introdotta a partire da questa edizione è stata proprio il Premio Idee didattiche, elaborato e istituito dal Consiglio di Amministrazione per far emergere i migliori progetti formativi, curricolari o extracurricolari, realizzati dagli insegnanti che operano presso gli istituti scolastici dei comuni di Carpi, Novi di Modena e Soliera.

La consegna dei premi di studio

“Con il Progetto Nausicaa. Filosofia per creature interessanti – spiegano Enrica Malavasi e Marisa Ricci – il cui nome s’ispira al film d’animazione giapponese degli Anni ’80, Nausicaa della Valle del Vento, ambientato in un mondo contaminato in cui si può vivere solo con la mascherina e al quale si contrappone un altro mondo parallelo, gli alunni si sono messi in viaggio come persone e cittadini responsabili verso un’idea condivisa di città, dando forma a un luogo che possa ospitare tutti, lavorando a piccoli gruppi e poi preparando l’assemblea plenaria, ispirati dalla lettura delle Città Invisibili di Calvino. Per dare corpo alla riflessione hanno realizzato concretamente fondali e paesaggi della città che rispecchia i loro desideri e le loro paure per metterle a fuoco individuando cosa fare per superare gli ostacoli. I giovani alunni della 4A delle Rodari si sono interrogati sulle necessità primarie distinguendo cosa è essenziale e cosa superfluo, a cosa si può rinunciare per il bene del gruppo, per poi costruire la piramide dei bisogni essenziali, esercitando una consapevolezza e un senso critico che dovrebbe entrare in tutte le scuole”.

Gli altri docenti premiati sono stati: Barbara Morandi per il progetto Manuale di sopravvivenza per futuri liceali – Liceo Fanti; Ilaria Iotti, Anna Maria Brandoli, Mariagrazia Mase, Paola Poggi e Barbara Rebecchi per il progetto Beffe, arguzie boccacce. Il Decameron entra in scena – Istituto Comprensivo Sassi – Secondaria; Lara Pozzetti e Diana Dimiddio per il progetto Pillole di maglieria – Ipsia Vallauri.

Chiara Sorrentino