“Il suo solare approccio alla vita è una lezione per tutti noi”

0
30

“Il mio sogno nel cassetto? Studiare Giurisprudenza e diventare un avvocato”, sorride Cristina Morone, studentessa sedicenne del Liceo Fanti. Oggi però per Cristina si è avverato un altro piccolo sogno, quello di entrare nella caserma dei Carabinieri di Carpi e di conoscere personalmente il capitano Alessandro Iacovelli. “L’anno scorso – racconta – il capitano è venuto a scuola per tenere una conferenza sui temi della legalità e del cyber bullismo. Le sue parole mi hanno profondamente colpita, hanno rafforzato il mio amore per il diritto e la giustizia e mi hanno ulteriormente motivata a proseguire con impegno gli studi. Al termine delle lezioni, quando sono rientrata a casa, ho espresso a mia madre il desiderio di poterlo incontrare per scambiare due chiacchiere e visitare la caserma”. Detto fatto, Cristina ha chiesto l’amicizia del capitano via social e il suo desiderio oggi è diventato realtà. “Ci hanno accolte con grande calore e umanità – aggiunge la mamma, Lina Nardone – e ci hanno accompagnate in un vero e proprio tour alla scoperta degli angoli più nascosti”. “Abbiamo visto le celle, la sala intercettazioni, quella di controllo dove i militari ricevono le chiamate… è stata un’esperienza davvero bellissima”, prosegue Cristina.
Un’emozione, quella vissuta, che fa brillare anche gli occhi del capitano Iacovelli: “siete amici speciali, ci ha detto Cristina congedandosi. E’ stato davvero un grande piacere per me e i miei militari conoscerla. Cristina è solare, curiosa, entusiasta, positiva. Il suo gioioso approccio alla vita è una lezione per tutti noi”.
“Io e il capitano ora ci siamo scambiati i numeri di cellulare, così in futuro se uno dei due dovesse avere bisogno sa dove trovare l’atro”, conclude Cristina.
J.B.