Anziani, un robot per amico

Nao è il robot socially assistive su cui il Laboratorio di Psicologia Cognitiva dell’Università di Parma sta lavorando per educarlo a svolgere funzioni di stimolazione cognitiva e motoria, ascolto attivo e relazione comunicativa con quegli anziani che desiderano rimanere reattivi di fronte a rischi di decadimento cognitivo. La Cooperativa Anziani e Non Solo ha avviato una proficua collaborazione con l’Unità di Neuroscienze del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma che, guidato dalla dottoressa Olimpia Pino ha in corso la sperimentazione del robot specializzato nella socializzazione.

0
711

Dal robot che assomiglia a un nipotino premuroso, escono le riconoscibili note di un motivetto degli Anni ’60, la voce educata e giovanile chiede: chi la cantava: Domenico Modugno, i Ricchi e Poveri o Little Tony?

Qualcuno prova a suggerire dalle seconde file: Zitti che è un po’ sordo: così si confonde!, rimbrotta la signora che risponde sicura scandendo le parole e  guadagnandosi l’espressione di sincera gioia di Nao che ha appena finito una dimostrazione di Tai Chi snodandosi con eleganza ed elasticità e adesso si sta riposando seduto sul tavolo.

Nao è il robot socially assistive su cui il Laboratorio di Psicologia Cognitiva dell’Università di Parma sta lavorando per educarlo a svolgere funzioni di stimolazione cognitiva e motoria, ascolto attivo e relazione comunicativa con quegli anziani che desiderano rimanere reattivi di fronte a rischi di decadimento cognitivo. La Cooperativa Anziani e Non Solo, in coerenza con la propria mission di innovazione sociale nella cosiddetta “società dell’invecchiamento”, ha avviato una proficua collaborazione con l’Unità di Neuroscienze del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma che, guidato dalla dottoressa Olimpia Pino ha in corso la sperimentazione  del robot specializzato nella socializzazione.

Ieri una trentina fra anziani, loro familiari, geriatria del Centro Disturbi Cognitivi, responsabile e assistente dei Servizi sociali e dell’area fragili del Distretto sanitario, si sono incontrati alla Casa del Volontariato di Carpi rispondendo all’invito della Cooperativa sociale Anziani e non solo. L’incontro ha consentito ai presenti di essere aggiornati dagli esperti sulle linee di innovazione tecnologica nell’ambito della robotica con finalità assistenziali, di interagire con Nao per poterne toccare con mano le potenzialità, di raccogliere idee e suggerimenti su come migliorarne l’efficacia e le funzionalità. L’occasione ha stimolato tante idee, suggestioni e soprattutto ha spinto a immaginare connessioni e integrazioni.

Ad esempio con gli strumenti di monitoraggio del benessere indossabili che i Servizi sociali dell’Unione delle Terre d’argine con Anziani e non solo stanno sperimentando su larga scala in collaborazione col Distretto sanitario, migliorando così la sicurezza e la prevenzione di anziani soli. Oppure col progetto europeo SilverCoders – di cui Anziani e non solo è partner per l’Italia – che sta coinvolgendo numerosi caregiver e anziani attivi nella formazione di semplici programmi informatici.  L’incontro ha proiettato i partecipanti in un futuro prossimo coniugando tecnologia e innovazione con partecipazione, socialità e inclusione.