A Sky per raccontare il tifo con un sorriso

0
146

Tifosi sì, ma anche amici o quasi, affinché il calcio possa essere sempre più uno strumento di unione e non di divisione. E’ questo lo spirito che guida i protagonisti della trasmissione di Sky Sport 1 dal titolo Quasi amici. Sono tutti giovani tifosi del Napoli e delle squadre avversarie che ogni domenica sfidano il club partenopeo sul campo di calcio e vivono insieme la vigilia di ogni incontro per raccontare la rivalità sportiva più sana e divertente. Quella  che non rinuncia al coro da stadio e allo striscione ma sempre con rispetto e serenità. Tra questi anche il 19enne carpigiano Matteo Casella, tifoso biancorosso e autore di articoli sportivi per numerosi siti web, è stato chiamato per partecipare alla trasmissione andata in onda il 7 febbraio in occasione della partita Napoli-Carpi.
Matteo come sei stato contattato per partecipare alla trasmissione Quasi amici?
“E’ successo tutto per caso. Un responsabile di produzione Sky navigando sui gruppi Facebook dei tifosi biancorossi ha notato i miei articoli e ha deciso di contattarmi per svolgere un video di presentazione insieme agli amici Enrico Bonzanini di Carpi e Ruben Giovannoni di Mirandola. Successivamente siamo stati selezionati insieme a un altro gruppo per girare un’intervista a Carpi e dopo le riprese io e i miei due compagni siamo stati invitati a partire per Napoli per registrare la puntata del programma intitolata Il Carnevale di Rio la cui anteprima è andata in onda domenica 7 febbraio su Sky Sport 1 alle 13,45”.
Come è stato il debutto televisivo?
“E’ stata un’esperienza bellissima. Sono diventato amico di tutti i ragazzi della produzione e del Napoli. Io e i miei amici siamo rimasti positivamente impressionati anche dalla città e dai partenopei. E poi rivedermi su Sky mi ha emozionato tantissimo”.
Come è nata la tua passione per il giornalismo sportivo?
“Sin da quando ero piccolo guardavo Sky Sport e mi affascinava il fatto che i giornalisti potessero parlare con giocatori famosi e di grande talento. Chi l’avrebbe mai detto che dopo qualche anno mi sarei trovato in quel mondo”…
Oltre al calcio, ci sono altri sport che segui?
“Il calcio è lo sport che preferisco in assoluto, ma seguo anche tennis e pallavolo”.
Un campione dello sport che apprezzi particolarmente?
“Sicuramente Alessandro Del Piero perché è stato un grande capitano che in campo dava tutto se stesso per la sua squadra: un giocatore, oltre che un uomo, leale e onesto”.
Da esperto di calcio e grande tifoso del Carpi, come vedi il campionato dei biancorossi?
“Sarà una corsa alla salvezza complicatissima, ma si sapeva sin dall’inizio. Le possibilità per centrare questo incredibile obiettivo ci sono tutte, soprattutto adesso che il Carpi è tornato a essere quello che tutti abbiamo conosciuto negli ultimi due anni. Il mio pronostico è che si troveranno a lottare per il quart’ultimo posto Carpi e Sampdoria”.
Cosa speri per il tuo futuro?
“Intanto conseguire finalmente il diploma quest’anno (ride, ndr), poi si vedrà. Certamente mi piacerebbe molto rimanere nell’ambito sportivo, soprattutto perché ho trovato una mia dimensione in questo ambiente. Poi chissà, se Sky mi richiamasse anche dopo Quasi Amici. Sarebbe un sogno che si avvera”.
Chiara Sorrentino

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here