Mai più l’uno contro l’altro armati

0
102

Sono parole forti quelle che pronuncia Roberto Solomita. L’idea di fondo è quella di restituire un’idea di comunità alla nostra società, disgregata dalla crisi. Farlo attraverso il Fondo Anticrisi ha determinato un’evoluzione dello stesso strumento con il quale finora sono stati aiutati i cittadini colpiti da difficoltà economiche: i contributi, che già non sono consegnati direttamente alle famiglie ma ‘canalizzati’ al pagamento delle utenze o all’acquisto di prodotti attraverso voucher, saranno subordinati all’adesione da parte di chi li riceve a un progetto di cittadinanza attiva. “Chi ottiene benefici è chiamato a restituire ciò che ha ricevuto, impegnandosi concretamente per la collettività” afferma Solomita che è sindaco di Soliera e assessore alle Politiche Sociali dell’Unione delle Terre d’Argine.  L’erogazione dell’aiuto economico nel bando 2015 comporta, dunque, la partecipazione a percorsi di formazione (per l’acquisizione di competenze utili ai fini occupazionali o di gestione del bilancio familiare) o ad attività di volontariato nell’ambito della pubblica utilità. La mancata adesione alle attività di cittadinanza attiva comporta l’esclusione del beneficiario dalle prossime edizioni dei bandi anticrisi.
“Questo progetto, oltre ad arginare i problemi economici contingenti, presuppone una crescita relazionale finalizzata al rilancio della persona chiamata a rimettersi in gioco” chiarisce Solomita. Finora i beneficiari del Fondo Anticrisi “sono stati stigmatizzati come drenatori di risorse”, ma nelle nostre comunità dobbiamo evitare “che si apra il divario. Dobbiamo evitare di essere l’uno conto l’altro armati”. A sostegno delle famiglie in condizione di disagio, la Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi stanzia 700mila euro, un po’ meno rispetto alle passate edizioni, “ma in previsione di un Bilancio 2015 positivo potremo integrare questa cifra con ulteriori erogazioni” ha detto il presidente Giuseppe Schena. Il bando apre il 4 maggio per chiudersi il 20 giugno e gli aiuti sono rivolti ai  residenti nei Comuni di Carpi, Novi, Soliera con Isee inferiore ai 20mila euro. Su 40mila famiglie presenti sul territorio, sono state un migliaio quelle sostenute dal Fondo Anticrisi nella passata edizione.
Sara Gelli
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here