L’addio in dialetto per Giacinto Bruschi

Se n’è andato a 86 anni Giacinto Bruschi, carpigiano doc e cultore della lingua dialettale.

0
1671

Se n’è andato a 86 anni Giacinto Bruschi, carpigiano doc e cultore della lingua dialettale. I funerali sabato mattina nella chiesta di San Giuseppe. Lascia la moglie Raffaella a cui si stringe nel dolore la redazione di Tempo. Fino all’ultimo si è impegnato per gli altri e per la sua città: travestito da Balanzone aveva intrattenuto gli anziani ospiti della Cra Il Carpine in occasione della festa di Carnevale dove è stato un volontario storico. Giacinto Bruschi ha dato un contributo fondamentale alla sopravvivenza del dialetto e non se ne poteva andare senza lasciarci la sua preghiera.

Urasioun

S’te m-vò tor quèl ch’a gh’ò,

tò-l… però las-m’ o Sgnòr,

na Bìbia, na chitara,

e fa-m più gran al cor!

 

Na Bìbia per sculter,

propria da la To Vos,

da quand t’e fat al mònd

a quand t’I mort in Cros!

 

Na chitara e canter

fin a la fin di dè

al grasie per la vìta ,

che t’e de anch per mè!

 

E un cor gran cmè na ca

per vlér bein a tùt quant

e mia sol a chi ‘m per…

ma cum’ i an fat i Sant!

 

Nota pùr su ‘l to lìber…

sègna che quand mè a mòr

a dév cunsgner na Bìbia,

na chitara e un cor!!!

 

Preghiera

 

Se vuoi prendermi quello che ho,

prendilo… però lasciami, o Signore,

una Bibbia, una chitarra, e fammi più grande il cuore!

 

Una Bibbia per udire,

proprio dalla Tua Voce,

da quando hai fatto il mondo

o quando sei morto in Croce!

 

Una chitarra e cantare

fino alla fine dei giorni

il grazie per la vita

che hai dato anche per me!

 

E un cuore grande come una casa

per volere bene a tutti quanti

e non solo a chi mi pare…

ma come hanno fatto i Santi!

 

Annota pure sul tuo registro…

segna che quando morirò

dovrò consegnare una Bibbia

una chitarra e un cuore!!!

 

Giacinto Bruschi