Faccia a faccia

A confronto Enrico Diacci e Marco Ferrari candidati sindaco per il Comune di Novi di Modena che torna al voto il 12 giugno

0
859

La tornata elettorale del 2017 aveva regalato la sorpresa, con la vittoria della lista civica e del suo candidato Enrico Diacci nel testa a testa con la candidata del centrosinistra Giulia Olivetti mentre si era registrato il flop del centro destra fermo al 10%.

Il 12 giugno  2022 Novi di Modena torna al voto con Enrico Diacci che si propone per il secondo mandato, sempre come espressione di ‘Noi lista civica’, a cui l’alleanza di centro-sinistra contrappone Marco Ferrari per riconquistare Novi. Una corsa a due in assenza di un’alternativa a centro-destra e la necessità per entrambi i candidati di convincere gli elettori di quella parte politica.

La Redazione di Tempo ha rivolto a entrambi le stesse domande nel confronto Faccia a Faccia.

Data dell’ingresso in politica

Diacci: “cinque anni fa, in precedenza ho fatto esperienza da consigliere comunale”.

Ferrari: “2004 assessore servizi sociali Novi”.

Essere o avere?

Ferrari: “essere come Essere Comunità il nome della nostra lista”.

Diacci: “essere civico e avere le persone intorno”.

Il motto

Diacci: “a metà strada. Per  avere la possibilità di completare il lavoro iniziato e interrotto dai due anni di pandemia”.

Ferrari: “sempre avanti, senza lasciare indietro nessuno”.

Libro preferito

Ferrari: “Camper o Campe’r, il libro che ho scritto io l’anno scorso”.

Diacci: “i romanzi di Lucarelli che si rifanno ai misteri italiani e in cui sono spiegate la nostra storia e le nostre radici”.

 Sei di Novi se…

Diacci: “se incontri le persone invece di commentare sui social, se parli delle cose faccia a faccia”.

Ferrari: “se conosci Gino Ferrari”.

Tre aggettivi per descrivere la Novi di oggi

Ferrari: “ferma, rinnovabile, poliedrica”.

Diacci: “bella, inclusiva, a portata di mano”.

 Un pregio e un difetto dell’ avversario

Diacci: “bravo intrattenitore ma gli mancano i progetti”.

Ferrari: “riflessivo, riflessivo”.

Tre priorità per Novi

Ferrari: “lavoro, sanità, giovani”.

Diacci: “sviluppo sostenibile, viabilità e un paese con i servizi intorno”.