Sguardi sul Parco di Santacroce

Dal 30 aprile al 15 maggio è possibile ammirare, presso la Saletta in Corso Cabassi 4, a Carpi, con ingresso gratuito, gli scatti dei fotografi che hanno documentato e interpretato l’evolvere della forestazione del grande polmone verde. Vernissage, sabato 30 aprile, alle 17.

0
484

Il gruppo fotografico Grandangolo interpreta la genesi e lo sviluppo del grande Parco Santacroce, la grande oasi verde che la Fondazione CR Carpi ha portato dalle iniziali 3mila piante alle 10mila attuali. Dal 30 aprile al 15 maggio è possibile ammirare, presso la Saletta in Corso Cabassi 4, a Carpi, con ingresso gratuito, gli scatti dei fotografi che hanno documentato e interpretato l’evolvere della forestazione del grande polmone verde.

La mostra fa parte delle iniziative che accompagnano la preapertura del grande parco, prevista nel weekend del 14 e 15 maggio. Dopo la mostra di pittura botanica realizzata dall’artista romana Angela Maria Russo in esposizione fino al 25 aprile, è la volta degli scatti del gruppo fotografico carpigiano.

“Fin dalla presentazione, nel settembre 2019,  – spiega Danilo Baraldi, presidente del gruppo Grandangolo – il progetto di un parco nell’immediata periferia dei Carpi ci è sembrato meraviglioso. Con le sue innumerevoli piantumazioni, la realizzazione di aree didattiche, zone relax e la possibilità di interagire con la cittadinanza, ci siamo subito innamorati di questo luogo già soltanto sulla carta. Come per altre associazioni, ci è stato chiesto di ideare proposte per “animare” il parco nel momento in cui fosse diventato fruibile. Un’idea che ci è sembrata interessante è stata quella di documentare l’intera operazione di rinnovo di tutta l’area del parco”.

La mostra raccoglie gli scatti realizzati dagli autori Gabriella Ascari, Danilo Baraldi, Maurizio Bergianti, Fabio Bertani, Giorgio Grazzi, Elena Italiani, Maurizio Ligabue, Luca Malavasi, Monica Manghi, Luciana Poltronieri, Roberta Quartieri e Rosaria Valentini. Uno sguardo collettivo che nasce da sensibilità individuali e spunti di osservazione diversi. Ogni autore ha restituito il proprio sguardo sul parco con libertà di espressione e creatività.

L’esposizione è visitabile nelle giornate di sabato e domenica, dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19, e il giovedì dalle 10 alle 12.30. Vernissage, sabato 30 aprile, alle 17.