“Questa ambulanza è il nostro grazie nei confronti di chi si spende ogni giorno per il bene di tutti”

L’Unione delle Terre d’Argine raddoppia e consegna al Pronto Soccorso dell’Ospedale Ramazzini di Carpi un’altra ambulanza, acquisita grazie alla generosità del territorio.

0
822

L’Unione delle Terre d’Argine raddoppia e consegna al Servizio di Emergenza Territoriale 118 di Modena un’altra ambulanza, acquisita grazie alla generosità del territorio.

E’ il secondo mezzo di soccorso donato in pochi mesi (l’ottobre scorso ne era stata inaugurata un’altra dedicata alla memoria di Giorgio Grillenzoni, l’imprenditore carpigiano socio titolare della Garc scomparso a causa del Covid) grazie all’iniziativa di solidarietà e sostegno alla sanità promossa dall’ente che unisce i Comuni di Carpi, Soliera, Campogalliano e Novi, e a cui hanno risposto presente numerosi cittadini, imprese e associazioni. 

Il nuovo mezzo, che sarà di stanza presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Ramazzini di Carpi, è il frutto della “generosità delle nostre comunità. Il segno tangibile – ha commentato Enrico Diacci, sindaco di Novi e presidente dell’Unione – della compattezza di tutti noi di fronte all’emergenza Coronavirus. Il segno concreto della vicinanza, dell’affetto e della stima che nutriamo per coloro che giorno dopo giorno si spendono per il bene di tutti”. 

Questa ambulanza, aggiunge il sindaco di Carpi, Alberto Bellelli, “è la testimonianza di un comune sentire, è il nostro grazie nei confronti della sanità e dei suoi operatori”.

“Dotato di attrezzature all’avanguardia, strumenti per la telemedicina e farmaci salva vita a bordo, in conformità ai più evoluti modelli di gestione dell’Emergenza-Urgenza”, commenta la dottoressa Chiara Pesci, direttrice di PS e Medicina d’Urgenza di Carpi,  la nuova ambulanza H24, – definita dal sindaco di Campogalliano Paola Guerzoni, come un “esempio concreto di educazione civica applicata” – andrà a sostituire un mezzo ormai obsoleto che ora fungerà da muletto.

Ma la generosità del nostro territorio non finisce qui: “con gli altri fondi raccolti – sottolinea la direttrice del Distretto di Carpi, Stefania Ascari – sono stati acquisiti ecografi, macchine per la sanificazione delle ambulanze, poltrone per terapie infusive, un lettino ginecologico e diverse altre apparecchiature che andranno ad arricchire la dotazione di Poliambulatori e Case della Salute tra Carpi, Soliera, Campogalliano e Novi. Grazie di cuore a tutti”. 

“Uno spirito solidale ritrovato” ha commentato il primo cittadino di Soliera, Roberto Solomita, che consentirà agli uomini e alle donne del 118, tra i servizi in prima linea nell’emergenza che da oltre un anno sta mettendo a dura prova il nostro sistema sanitario, di lavorare su un “mezzo dotato di presidi moderni e all’avanguardia”, conclude la dottoressa Pesci. 

Jessica Bianchi