A Correggio nessun seggio sarà allestito nelle scuole

Dopo sei mesi di chiusura totale, posticipare l’apertura delle scuole di 10 giorni non avrebbe certo compromesso il programma scolastico ma si sa, la ragionevolezza raramente fa rima con la politica. D’altro canto c’è chi, sul territorio, lavora ogni giorno per il bene dei suoi cittadini, compresi quelli più giovani. Un plauso alla Malavasi e ai sindaci di tutti i 185 comuni dove si voterà fuori dalle scuole: bravi!

0
1356

Non ha fatto in tempo nemmeno a scaldare i motori che deve nuovamente fermarsi. A imporre l’ennesimo stop alla scuola questa volta non è l’emergenza Covid bensì il Referendum del 20 e 21 settembre ma non mancano esempi virtuosi come quello del vicino Comune di Correggio dove l’Amministrazione si è attivata per scongiurare l’interruzione dell’attività scolastica, a una sola settimana dalla sua ripresa, riorganizzando le sezioni elettorali e modificando l’ubicazione dei seggi elettorali. Risultato? A Correggio nessun seggio sarà allestito negli istituti scolastici. “Per questa tornata elettorale, i cittadini dovranno modificare le loro abitudini ma ritengo che questo costituisca un piccolo aiuto per evitare disagi ad alunni e famiglie, a una sola settimana dalla tanto attesa ripresa delle attività didattiche”, ha commentato il sindaco Ilenia Malavasi.
E a Carpi? “In città non vi è un numero di sedi alternative sufficienti con la caratteristiche richieste dalla Prefettura e pertanto i seggi resteranno quelli abituali”, è la risposta giunta dall’Amministrazione. Ennesima dimostrazione di come in città tutti resti irrimediabilmente immutato.
Dopo sei mesi di chiusura totale, posticipare l’apertura delle scuole di 10 giorni non avrebbe certo compromesso il programma scolastico ma si sa, la ragionevolezza raramente fa rima con la politica.
D’altro canto c’è chi, sul territorio, lavora ogni giorno per il bene dei suoi cittadini, compresi quelli più giovani. Un plauso alla Malavasi e ai sindaci di tutti i 185 comuni dove si voterà fuori dalle scuole: bravi!
Jessica Bianchi