Non è una Ztl che fa grande il centro storico

“C’è una questione di metodo che è parte della sostanza. Manca il ragionamento principale che deve stare a monte delle scelte e senza il quale si rischia di essere fraintesi. La sperimentazione di questa Ztl a che cosa è propedeutica?” si chiede l’ex assessore Simone Morelli.

0
1077
Simone Morelli

Ha scelto di intervenire sul tema della Ztl e dopo il post pubblicato su Facebook sono arrivati tanti messaggi che sicuramente gli hanno fatto piacere. “Ero, sono e sarò sempre contrario all’allargamento della Ztl in centro. Ero, sono e sarò favorevole all’apertura di corso Fanti e Cabassi. Ero, sono e sarò sempre favorevole a sperimentare durante l’autunno e inverno a orari stabiliti i parcheggi in Piazzale Re Astolfo e Piazza Martiri. Ero, sono e sarò sempre favorevole all’allargamento dei dehor e al miglioramento dell’arredo urbano in centro. Ero, sono e sarò sempre favorevole a una soluzione per i parcheggi organica, strutturale e decisa”. Parla chiaro Simone Morelli, ex assessore al Centro storico, commentando sui social la questione scottante della Ztl allargando lo sguardo all’intero centro storico a cui Morelli ha saputo parlare, a modo suo. Questo oggi gli viene riconosciuto da chi scrive di aver potuto condividere idee ma anche pareri discordi, “almeno se ne parlava insieme, faccia a faccia, non c’era bisogno di fogli bianchi e tavoli fantomatici” si legge su Facebook.

“C’è una questione di metodo – afferma Morelli – che è parte della sostanza. Manca il ragionamento principale che deve stare a monte delle scelte e senza il quale si rischia di essere fraintesi. La sperimentazione di questa Ztl a che cosa è propedeutica? Quale è il disegno complessivo all’interno del quale si inseriscono queste scelte? Occorre dire le cose per come stanno altrimenti non è possibile il confronto. L’idea è quella di chiudere il centro storico allargando la Ztl all’intero perimetro? E’ ciò a cui puntava l’Amministrazione già dalla primavera del 2019. Se è così la Ztl notturna e festiva è il modo per mettere un piedino in centro storico. Resto convinto che chiudere tutto il centro storico sia molto rischioso mentre può funzionare invece l’idea di rendere pedonali le vie come Nova o Rovighi, in cui il passaggio delle auto è molto complicato. E’ prevista la pavimentazione di Corso Roma e di via San Francesco? Che lo si dica. C’è un’idea di come recuperare i parcheggi al servizio del centro storico? Che lo si dica.

Il tema è il disegno della città a partire dalle scelte urbanistiche che ovviamente ricadono su quelle commerciali, imprenditoriali e di viabilità… Il Prg è vecchio e la nuova pianificazione la si attende da anni sperando sia condivisa con la città. Le pezze a colori non funzionano più e nemmeno il Covid può bastare come giustificazione”.

Per Morelli, “questa piccola sperimentazione va bene per una piccola città. E dire che avevo pensato a un professionista di fama internazionale come Stefano Boeri per rilanciare il centro cittadino. Mi sarei dovuto accorgere di quanto fosse piccola una certa Carpi quando ho promosso il concorso di idee Alle porte di Carpi per valorizzare le tre porte cittadine e a chi mi prendeva in giro almeno dovrebbero rispondere i commercianti e cittadini del centro”.

Sara Gelli