Coronavirus, 53 casi in più di ieri

Coronavirus, 53 casi in più di ieri per un totale di 27.470 positivi. 237 i nuovi guariti, che salgono a 18.703 totali. Continua il calo dei casi attivi: -196, i malati effettivi scendono a 4.730. Effettuati 3.940 tamponi, che raggiungono complessivamente quota 282.857. I casi lievi in isolamento a domicilio sono 4.089 (-153). Minimo di pazienti nelle terapie intensive, 89 (-3), in diminuzione anche i ricoverati nei reparti Covid (-40). 12 nuovi decessi. Oggi Modena raggiunge quota 3.895 (11 in più di ieri), di cui 6 a Carpi (una famiglia in isolamento) dove i positivi sono 555 e dove è morto 1 uomo (i decessi in città ammontano a 64).

0
1622

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 27.470 casi di positività, 53 in più rispetto a ieri. “Questi 53 nuovi casi, pressoché tutti asintomatici, – spiega Raffaele Donini, assessore regionale alla Salure – sono stati perlopiù scoperti attraverso i test sierologici. Il passo epidemiologico si è mantenuto intorno allo 0,2%. Mentre R0 si attesta a quota: 0,52. dati che rendono ancora la nostra Regione a basso rischio”.
I tamponi effettuati sono 3.940, per un totale di 282.857. Le nuove guarigioni sono 237 (18.703 in totale), mentre continuano a calare i casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi, che a oggi sono scesi a 4.730 (-196).
Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.
Le persone in isolamento a casa, cioè quelle con sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 4.089, – 153 rispetto a ieri. I pazienti in terapia intensiva sono 89 (-3). Diminuiscono anche quelli ricoverati negli altri reparti Covid: -40
Le persone complessivamente guarite salgono quindi a 18.703 (+237): 1.504 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 17.199 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.
Purtroppo, si registrano 12 nuovi decessi: 6 uomini e 6 donne. Complessivamente, in Emilia-Romagna sono arrivati a 4.037. I nuovi decessi riguardano 2 residenti nella provincia di Piacenza, 1 in quella di Parma, 1 in quella di Modena, 4 in quella di Bologna (nessuno nell’imolese), 1 in quella di Ravenna, 2 in quella di Forlì-Cesena (1 nel Forlivese e 1 nel Cesenate) 1 in quella di Rimini. Nessun decesso tra i residenti nella provincia di Reggio Emilia, Ferrara e da fuori Regione.
Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.455 a Piacenza (6  in più rispetto a ieri), 3.444 a Parma (9 in più), 4.919 a Reggio Emilia (5 in più), oggi Modena raggiunge quota 3.895 (11 in più di ieri), di cui 6 a Carpi (una famiglia in isolamento) dove i positivi sono 555 e dove è morto 1 uomo (i decessi in città ammontano a 64), 4.528 a Bologna (9 in più); 392 le positività registrate a Imola (dato invariato), 985 a Ferrara (1 in più). In Romagna i casi di positività hanno raggiunto quota 4.852 (12 in più), di cui 1.018 a Ravenna (dato invariato), 940 a Forlì (lo stesso di ieri), 772 a Cesena (3 in più), 2.122 a Rimini (9 in più).
“I rischi – conclude Donini – non sono alle spalle. Questo virus continua a essere molto diffusivo, si trasmette anche attraverso le persone asintomatiche, dunque non si deve abbassare la guardia. Evitiamo assembramenti e situazioni di rischio. Non dobbiamo essere incauti! Noi, dal canto nostro, ora che è un po’ in ritirata, continueremo a stanarlo casa per casa”.