La colonna sonora della nostra vita

0
115

Il cinema, si sa, accompagna la vita di ciascuno di noi. Così come la musica. Due linguaggi che, quando si compenetrano, sono capaci di creare qualcosa di magico. “Nel nostro territorio vi sono un amore e una tradizione consolidati nei confronti di cinema e musica, ecco perché l’Università Natalia Ginzburg ha deciso, anche grazie alla preziosa collaborazione di Liliana Forti, di dar vita al corso Musica e Cinema: colonne sonore dal film muto al musical. Tre lezioni aperte a tutti – racconta Lorena Luppi, referente del progetto Musica e Cinema del sodalizio – dedicate a immagini e note”. Una sorta di viaggio attraverso il tempo e la storia del cinema. Una passeggiata tra diversi generi, “per indagare il rapporto esistente tra immagine e musica”, spiega Liliana Forti, direttrice dell’Istituto Vecchi – Tonelli dal 1991 al 2006. “Vi sono registi che hanno saputo piegare brani già scritti alle loro pellicole con una forza, una perfezione e un’efficacia a dir poco straordinarie. Basti pensare a un grande maestro come Kubrick e ai suoi capolavori: da 2001: Odissea nello spazio a Shining, ad Arancia Meccanica. Spesso, infatti, è la potenza travolgente della musica a essere ricordata, anziché i dettagli della trama”.
Chi di noi non ricorda la drammaticità psicotica delle note di Wagner de La Cavalcata delle Valchirie nel celebre Apocalipse now di Coppola? O, ancora, la liberazione degli ebrei salvati da Oskar Schindler in Schindler’s List che camminano verso la speranza e il futuro non sarebbe tanto coinvolgente senza le commoventi note di Yerushalayim Shel Zahav di Naomi Shemer e la colonna sonora di John Williams.
Ci sono scene che sono entrate nell’immaginario collettivo e nel nostro cuore, scrivendo la storia del cinema, proprio grazie alla forza dirompente della musica.
“Il mio percorso – prosegue Liliana Forti – partirà dal cinema muto di Charlie Chaplin e Buster Keaton per approdare a giorno d’oggi, passando attraverso il musical hollywoodiano e i maggiori successi del cinema italiano. Naturalmente rievocheremo il maestro Carlo Rustichelli, illustre carpigiano che compose centinaia di colonne sonore dal 1945 al 2009; senza dimenticare la meraviglia di alcuni tra i sodalizi meglio riusciti del nostro cinema: da Nino Rota e Federico Fellini a Ennio Morricone e Sergio Leone a Nicola Piovani e Roberto Benigni”. La prima lezione gratuita si terrà sabato 27 febbraio alle 15,30 (ne seguiranno altre due, il 5 e il 12 marzo) presso la Casa del Volontariato di viale Peruzzi, 22 (chi volesse maggiori info può chiamare il numero 059.652320).
A interpretare le emozionanti atmosfere evocate durante le lezioni, dando corpo e forma alle note, ci penseranno poi il 19 maggio, nella prestigiosa cornice del Teatro Comunale, l’Orchestra della Scuola media Alberto Pio,  il coro dell’Istituto Vecchi – Tonelli guidato dalla direttrice Orestina Gibertoni e il Coro Mani Bianche della Scuola della divina Provvidenza di Santa Croce: “il presidente del Comitato Festa del Patrono, Adamo Neri, ci ha offerto la possibilità di aprire il cartellone di eventi legati ai festeggiamenti del patrono cittadino con un concerto in Teatro. Grati e orgogliosi di tale opportunità non ci abbiamo pensato due volte”, sorride Lorena Luppi.
Jessica Bianchi

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here