Il pane del futuro

0
647

A Carpi un’idea ha dato vita a un prodotto che ha del rivoluzionario. Sandro Santolin del Pane del Fornaio, il forno in via Remesina, con l’aiuto di un amico ricercatore dell’Università di Modena, ha messo a punto un pane integrale con l’aggiunta di proteine leguminose. “Il prodotto si chiama Primus – ci spiega Santolin – perché è il primo pane con delle leguminose. Inoltre questo particolare tipo di pane, può andare a integrare perfettamente la dieta mediterranea”. Infatti sostituendo le proteine della carne, Primus si avvale delle proteine dei legumi,  all’insegna di uno stile di vita più sano. “Le popolazioni mediterranee non si ammalavano di malattie cardiovascolari proprio per la loro dieta, contraddistinta da un bassissimo dosaggio di grassi animali – continua Santolin – al contrario si usavano oli extravergini e tantissime verdure. Il nostro pane va a recuperare quella parte di dieta mediterranea che puntava all’assimilazione delle  proteine attraverso i legumi”. Per chi pensa alla linea c’è poco da preoccuparsi. Primus ha 100 calorie per etto in meno rispetto al pane tradizionale, ha un bassissimo indice glicemico e fornisce al nostro corpo un senso di sazietà che dura più a lungo durante la giornata. Infine le proteine dei legumi sono lasciate fermentare, per migliorare la qualità del gusto e il lievito naturale evita che, con il tempo, il pane acquisisca un sapore di stantio. L’integrazione di queste proteine vegetali sarà possibile anche in tutti i tipi di pani tradizionali perché il sapore e le tecniche di panificazione variano pochissimo, rendendo attuabile questa lavorazione con tanti altri prodotti da forno di larghissimo consumo, come le focacce o la pizza. “Pur avendo investito direttamente su tale ricerca – conclude Santolin – il nostro scopo è divulgarne il più possibile i risultati, in modo che il maggior numero di persone abbia accesso ai nostri prodotti e, di conseguenza, a un’alimentazione in stile mediterraneo, molto più equilibrata dal punto di vista nutrizionale”.
Francesco Palumbo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here