Sisma: parte il Piano casa

0
48

Nel dettaglio – si legge in una nota – le tre ordinanze riguardano le linee generali del piano casa, il nuovo contributo per l’autonoma sistemazione-Cas e l’assegnazione di alloggi in affitto. Destinatari dei provvedimenti sono le persone le cui abitazioni sono state dichiarate inagibili a seguito delle scosse del 20 e 29 maggio.

La prima ordinanza definisce le azioni del programma per la fase di transizione e l’avvio della ricostruzione; il secondo provvedimento riguarda il contributo per l’autonoma sistemazione (Cas) che viene assegnato alle persone che decidono di cercarsi autonomamente un alloggio mentre la terza ordinanza emanata oggi riguarda l’assegnazione degli alloggi in affitto: chi ha la casa
danneggiata, di fatto, può presentare al Comune richiesta per ottenere un alloggio in affitto dimostrando di non avere altra soluzione abitativa e rinunciando alle altre opportunità (alberghi, moduli abitativi, ecc.) rese disponibili per le persone che hanno le abitazioni lesionate.

E’ stato definito un contratto a canone concordato della durata di 18 mesi: a carico della Pubblica amministrazione le spese di affitto e un contributo per il trasloco – chiosa la nota – mentre l’assegnatario farà fronte ai costi di assicurazione e alle spese condominiali.

I testi completi sono scaricabili sul sito della Regione (http://www.regione.emilia-romagna.it/terremoto), nella sezione “Gli atti per la ricostruzione”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here