Marco Marchi investe nell’uomo e scommette su una “nuova” Blumarine

Durante il 28° Pambianco-PwC Fashion Summit, l’imprenditore carpigiano Marco Marchi, fondatore e CEO di Liu Jo ha annunciato l’imminente acquisizione della maggioranza di Liu Jo Uomo. Un’operazione che “non potrà che portare ottimi risultati”, ha dichiarato il manager che per Liu Jo Uomo prevede un giro d’affari di 70 milioni di euro nel 2024.

0
2790

Non solo moda femminile. Liu Jo continua a investire anche in quella maschile. Durante il 28° Pambianco-PwC Fashion Summit, l’imprenditore carpigiano Marco Marchi, fondatore e CEO di Liu Jo ha annunciato l’imminente acquisizione della maggioranza di Liu Jo Uomo. Il progetto si realizzerà attraverso l’ingresso con il 51% in una newco costituita allo scopo con conferimento delle attività da parte di Co.Ca.Ma. S.r.l, , già licenziataria dal 2012 della collezione menswear. Giuseppe Nardelli, fondatore e amministratore unico della campana Co.Ca.Ma, manterrà il 49% della NewCo e continuerà a essere operativo. Un’operazione che “non potrà che portare ottimi risultati”, ha dichiarato il manager che per Liu Jo Uomo prevede un giro d’affari di 70 milioni di euro nel 2024.

Sull’arrivo dello stilista Walter Chiapponi, direttore creativo del marchio Tod’s fino allo scorso settembre, alla direzione creativa di Blumarine, Marchi è ottimista come riporta Pambianco: “Portare Walter significa portare un calibro importante, da lui ci aspettiamo un percorso che dovrà riportarci alle nostre radici, quello che nella mente di tutti è il mondo di Blumarine, un abbigliamento che possa essere letto e tradotto da mercati molto ampi. Ad esempio il Middle East è una grande opportunità. Noi stiamo dando massima disponibilità, fiducia, contributo ed energia affinché questo progetto possa raggiungere gli obiettivi che tutti ci auspichiamo. Non solo perché ho acquisito Blumarine ma anche perché vivo a Carpi ed è un marchio che ho nel cuore fin da bambino, inoltre siamo italiani quindi portare un’azienda del lusso al successo credo sia un orgoglio per chiunque viva in questo Paese visto che ci hanno scippato quasi tutto”.