Alla scoperta della Biblioteca enigmistica italiana Giuseppe Panini di Campogalliano

Forse non tutti sanno che Campogalliano è sede della Biblioteca Enigmistica Italiana Giuseppe Panini, importante associazione che raccoglie i migliori enigmisti nazionali, fra cui alcuni responsabili della famosa rivista La settimana enigmistica.

0
561

Forse non tutti sanno che Campogalliano è sede della Biblioteca Enigmistica Italiana Giuseppe Panini, importante associazione che raccoglie i migliori enigmisti nazionali, fra cui alcuni responsabili della famosa rivista La settimana enigmistica. L’associazione, intitolata al re delle figurine, grande appassionato di enigmistica, da tempo organizza le sue attività dalla sua sede di Piazza della Bilancia e comprende anche alcuni associati campogallianesi.

Recentemente, presso il ristorante Corte degli Ulivi, si è il tradizionale simposio intitolato Memorial Mauro Navona (Nam) con la  mattinata di sfide enigmistiche e rebus animati, poi il pranzo e le premiazioni. La sindaca di Campogalliano Paola Guerzoni ha donato alla B.E.I. alcuni libri di storia locale e una bottiglietta di aceto balsamico dell’Acetaia comunale Vincenzo Gualdi. “L’amministrazione comunale – spiega la sindaca Guerzoni – apprezza il fatto che il nome di Campogalliano sia abbinato ad associazioni e iniziative che sviluppano la conoscenza della nostra cultura, l’intelligenza e la socialità”.

Il presidente Riccardo Benucci ha risposto “Noi tutti siamo orgogliosi di avere la nostra sede a Campogalliano. Per noi è un vero onore. Siamo certi che nel tempo il rapporto fra la B.E.I. e il vostro (ma anche un po’ nostro, ormai) territorio diverrà sempre più stretto, dando magari vita anche a nuove iniziative”.

La sindaca Guerzoni, divertita dall’esercizio degli enigmisti di trovare frasi anagrammando il suo nome e cognome, ha affermato che “oltre che divertente, è stato istruttivo, perché mi hanno spiegato che le frasi di enigmistica sono di solito umoristiche ma tendono a ‘elevare’ l’umanità: non si dicono parole volgari e non si evidenziano brutture”.

L’Amministrazione porge un ringraziamento particolare, oltre che al presidente Benucci, ai due campogallianesi  Giuseppe Cipriano e Giulio Ferrari per aver portato qui la B.E.I.