“Stop ai medici a gettone entro l’anno” e poi cosa accadrà?

Ad oggi sono 21 i medici a gettone ancora impiegati nella nostra regione attraverso le cooperative, di cui 12 in provincia di Reggio Emilia e 9 nel modenese. Chi prenderà il loro posto? Come verrà assicurata la tenuta dei reparti in affanno a partire dai Pronto Soccorso per i quali le Ausl continuano a ripetere che non si riescono a reperire professionisti?

0
1297

L’Emilia Romagna metterà fine all’impiego dei medici a gettone per le emergenze entro quest’anno. Ad annunciarlo l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, rispondendo a un’interrogazione consigliare. Nel Decreto Bollette il ministro della Salute Orazio Schillaci è intervenuto per disincentivare il ricorso ai gettonisti, inserendo limiti alle esternalizzazioni nel corso dell’anno e al reclutamento di professionisti usciti dal servizio sanitario. “L’esternalizzazione è una stortura del sistema – ha dichiarato Donini – in Emilia Romagna ne abbiamo fatto un uso moderato, ma è nostra intenzione smettere con tale pratica entro il 2023”. 

Ad oggi sono 21 i medici a gettone ancora impiegati nella nostra regione attraverso le cooperative, di cui 12 in provincia di Reggio Emilia e 9 nel modenese. Chi prenderà il loro posto? Come verrà assicurata la tenuta dei reparti in affanno a partire dai Pronto Soccorso per i quali le Ausl continuano a ripetere che non si riescono a reperire professionisti?