Amare Carpi: unite nella caccia ai rifiuti

Annamaria Cipolletta, Paola Rossi, Giorgia Masselli, Piera Sala, Osanna Pisa, Graziella Galloni, Francesca Volta, Lorena Guerzoni ed Emanuela Garda sono nove amiche accomunate dall'amore per la propria città e dall'obiettivo di sensibilizzare le persone sul problema dell'abbandono dei rifiuti. Insieme formano la squadra Amare Carpi che ogni lunedì pomeriggio parte in spedizione per raccogliere rifiuti nei parchi e nelle strade: “in due ore circa riempiamo tre sacchi di immondizia”.

0
5043

Ogni lunedì pattugliano via Remesina, via Pezzana, viale Manzoni e dintorni, e non solo, a caccia di vetro, plastica, carta e indifferenziato, in particolare mozziconi di sigaretta, microplastica, mascherine cartacce e gli escrementi del cane. Sono la squadra Amare Carpi formata da nove amiche di Carpi: Annamaria Cipolletta, Paola Rossi, Giorgia Masselli, Piera Sala, Osanna Pisa, Graziella Galloni,

Francesca Volta, Lorena Guerzoni ed Emanuela Garda “Il gruppo è nato nel 2020 – racconta Annamaria Cipolletta, una delle volontarie – all’inizio eravamo in cinque, poi si sono aggiunte altre  quattro persone. L’occasione è nata dal fatto che siamo andate in pensione quasi in concomitanza. Ritrovandoci con molto tempo libero ci siamo chieste cosa potessimo fare per la nostra città, ed è bastato guardarci intorno per renderci conto che una delle emergenze principali è quella del degrado ambientale causato dall’abbandono indiscriminato dei rifiuti nelle strade, nei parchi e nei parcheggi. Così abbiamo deciso di unirci, operando inizialmente col gruppo Plogging di Carpi, poi solamente per questioni logistiche abbiamo formato il nostro gruppo Amare Carpi, e di ritrovarci una volta a settimana per due ore circa, il lunedì salvo mal tempo, per perlustrare i quartieri in cui viviamo, ma anche quelli in cui ci accorgiamo c’è necessità, per ripulirli”.

Quanti sacchi riempite in media, e quali sono i rifiuti in cui incappate più spesso?

“Riempiamo dai due ai tre sacchi di immondizia tra indifferenziata, plastica e vetro. I rifiuti più frequenti che troviamo gettati a terra sono le bottiglie di vetro, specialmente di birra e vino, i mozziconi di sigaretta e le mascherine”.

Come siete organizzate per lo smaltimento?

“In accordo con Aimag, che ci fornisce anche tutta l’attrezzatura necessaria, ovvero sacchi, pinze e adesivi, una volta riempiti i sacchi scegliamo un punto dove lasciarli e diamo loro comunicazione per il ritiro che avviene nell’arco di 24-48 ore”.

I fatti contano più di tante parole, e voi ne siete la dimostrazione, ma visto che ne avete l’opportunità c’è qualcosa che vorreste dire?

“Il nostro obiettivo, oltre a quello di dare una mano a tener pulita Carpi, è anche quello di sensibilizzare le persone sul tema dei rifiuti e sull’importanza della raccolta differenziata. Basta così poco per tenere la città in cui viviamo pulita. Lo facciamo attraverso l’esempio. In tanti ci osservano mentre raccogliamo i rifiuti e ci ringraziano. In particolare, quando incrociamo lo sguardo dei bambini che sono il nostro futuro, ci auguriamo di trasmettere loro l’amore e il rispetto per l’ambiente”.

Chiara Sorrentino