Strage di Bologna: Carpi commemora le vittime tra cui Umberto “Tino” Lugli

Aveva 38 anni quando rimase sotto le macerie della Stazione di Bologna in seguito all'esplosione della bomba. In sua memoria è stato deposto un cesto di fiori presso la tomba nel Cimitero urbano di Carpi alla presenza del fratello Carlo Alberto Lugli.

0
967

Il Vicesindaco Stefania Gasparini e l’Assessore Andrea Artioli, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, hanno partecipato a Bologna alla cerimonia di commemorazione della strage alla stazione di Bologna, per ricordare le 85 vittime e gli oltre 200 feriti in conseguenza dell’esplosione della bomba il 2 agosto 1980. Oggi al termine di un lungo accertamento giudiziario è certo che a eseguire la strage fu un gruppo di neofascisti con la regia della P2 e la complicità di funzionari dello stato.

Tra le vittime della strage di 42 anni fa anche il carpigiano Umberto “Tino” Lugli, che allora aveva 38 anni: in sua memoria è stato deposto un cesto di fiori presso la tomba nel Cimitero urbano di Carpi alla presenza del Presidente del Consiglio Comunale Carlo Alberto Fontanesi e del fratello della vittima, Carlo Alberto Lugli.