Progetto Cardillo per il centro storico: si passa ai focus group

Con il coinvolgimento di un campione di 25 operatori economici e di 10 soggetti dello società civile portatori di interessi in Centro storico, che sono stati intervistati, singolarmente e in modalità full immersion, presso la struttura comunale del Palazzo della Pieve, in Carpi, si è conclusa la prima fase di indagine e di ascolto prevista dal Progetto di Valorizzazione Commerciale del Centro storico della Città di Carpi, affidato a Marketing City Studio di Rosario Cardillo

0
336
Foto di Fabrizio Bizzarri
Rosario Cardillo

Con il coinvolgimento di un campione di 25 operatori economici e di 10 soggetti dello società civile portatori di interessi in Centro storico, che sono stati intervistati, singolarmente e in modalità full immersion, presso la struttura comunale del Palazzo della Pieve, in Carpi, si è conclusa la prima fase di indagine e di ascolto prevista dal Progetto di Valorizzazione Commerciale del Centro storico della Città di Carpi, affidato a Marketing City Studio di Rosario Cardillo e il cui lancio era stato condiviso, a inizio anno, con le Associazioni di Categoria del Commercio e dell’Artigianato (Confcommercio – Confesercenti – CNA – Lapam Federimpresa), con il parere positivo successivamente manifestato dall’Associazione di promozione Carpi C’è.

Dalle interviste è emersa con evidenza, da tutti gli intervistati, una risposta favorevole sulla valenza di questo progetto, sul quale vengono riposte aspettative riguardanti la “messa a sistema delle forze in campo” e l’adozione di un modello d’intervento sulla promozione del Centro storico basato sulla professionalità, sull’efficienza e sulla trasversalità degli interventi. Ognuno ha raccontato il profilo e i valori della propria attività, mettendo in luce gli aspetti che possano contribuire ad arricchire l’intera rete commerciale del centro. Nell’affezione alla storia commerciale di ognuno, si è colto lo spirito di resilienza nell’affrontare la ripresa. In alcuni casi, i valori dell’impresa sono emersi sotto forma di apertura e di coinvolgimento nei confronti della clientela, affinché la stessa possa comprendere di più la qualità dell’offerta e, nei casi dell’artigianato, la stessa filiera produttiva.

A breve, sarà lanciato un ulteriore sondaggio sugli indici di gradimento del servizio commerciale di vicinato, in Centro storico, rivolto questa volta ai cittadini, attraverso un questionario che sarà somministrato on line, tramite la rete civica Carpidiem.

La novità più importante cui attende, ora, lo sviluppo del Progetto riguarda lo svolgimento di un ciclo di Focus Group rivolti ai soli operatori economici, nell’ambito dei quali si affronteranno temi molto specifici:

  • Le variabili d’intervento sulle quali costruire un nuovo piano di marketing urbano del Centro storico.
  • I progetti promozionali e il sistema di attenzioni della rete commerciale del Centro storico rivolti al target giovanile e a soggetti fragili.
  • Le strade tematiche del Centro storico. Progetti pilota.
  • Nuovo patto di collaborazione e convivenza tra pubblici esercizi e residenza.
  • Nascita e organizzazione di un ente associativo pubblico-privato per la gestione coordinata del Centro Commerciale Naturale (Casi studio: dalla provincia di Modena a quella di Treviso, con la presenza di un testimone esterno della città veneta).

Il ciclo di 5 Focus group, che si terranno in modalità laboratorio (intorno ai tavoli della Sala polivalente del Centro Giovani Mac’è) sarà preceduto da un incontro pubblico, fissato per la data del 6 Giugno prossimo, presso l’Auditorium della Biblioteca Loria, a cui saranno invitati gli operatori economici del centro storico e gli altri soggetti rappresentativi della cittadinanza attiva.

L’incontro è finalizzato a restituire gli esiti della prima fase di indagine del Progetto e a presentare il ciclo di focus group utili alla progettazione partecipata del Piano di Marketing Urbano.

Da ogni focus group, uscirà un testimone che avrà il compito di conferire gli esiti del lavoro svolto ad un tavolo di concertazione plenario (il Forum) che sarà attivato nel mese di Settembre.