Si chiude un anno difficile per il Pettirosso ma i volontari non si arrendono e guardano al futuro con ottimismo

Si è appena concluso un anno sicuramente difficile per il Centro Fauna il Pettirosso: nonostante abbia continuato a stare al fianco di cittadini e animali h24, non gli è infatti mai stato riconosciuto il calo economico derivato dalle eventuali offerte e donazioni che gli permettono di proseguire nella propria attività come Onlus.

0
535

Si è appena concluso un anno sicuramente difficile per il Centro Fauna il Pettirosso: nonostante abbia continuato a stare al fianco di cittadini e animali h24, non gli è infatti mai stato riconosciuto il calo economico derivato dalle eventuali offerte e donazioni che gli permettono di proseguire nella propria attività come Onlus. Malgrado la pandemia gli ingressi sono arrivati a quota 6.411 animali selvatici feriti o in difficoltà a cui si aggiungono 1.113 interventi di recupero sul territorio della Provincia di Modena e fuori regione. Tanti sono i progetti realizzati come la formazione delle Polizie Locali di Modena e di altre regioni come il Veneto e alcuni guardiaparco della Lombardia. Ma nel 2021 sono ricominciate le iniziative di successo in presenza per il Popolo del Pettirosso per grandi e piccini, e per restare aggiornati su quelle del 2023 basta seguire il sito o la pagina Facebook aggiornata in tempo reale. Intanto nell’anno appena passato il Pettirosso ha stretto nuove collaborazioni con la Fondazione Cetacei di Riccione e il Rifugio Matildico per la salvaguardia e la cura del lupo appenninico, ma il Pettirosso non si ferma qui: diventa infatti Associazione Nazionale con l’apertura di 5 sezioni in 5 regioni diverse per avere un riconoscimento del Ministero dell’Ambiente e per poter dare maggior voce agli animali selvatici sempre più bistrattati e dimenticati. “I tempi sono maturi – spiega il responsabile Piero Milani – grazie ai sostenitori e al 5 per mille (indicando il c.f. 94120020360 nella dichiarazione dei redditi). Ringraziamo anche tutti gli operatori del 112 efficientissimi che ci guidano spesso sugli interventi di emergenza, ringraziamo i Vigili del Fuoco che ci hanno sempre accordato fiducia e collaborazione, ringraziamo tutte le forze dell’Ordine che grazie alla loro professionalità ci hanno permesso di avere sempre un riferimento efficiente. Grazie alle Istituzioni locali per esserci sempre state in modo costruttivo. Ma soprattutto ringraziamo le migliaia di nostri sostenitori perchè anche con un semplice euro ci hanno permesso di correre in soccorso di un animale ferito o in difficoltà”.