Violenza sulle donne, occorre ripartire dagli uomini maltrattanti

Nell'ambito dell’impegno e della sensibilizzazione contro i femminicidi prosegue incessante l'attività del Centro Liberiamoci dalla Violenza (LDV) di Modena – primo esempio in Italia di struttura pubblica dedicata al trattamento di uomini autori di maltrattamenti. Oggi il Centro LDV sarà presente al webinar (ore 14.30) dal titolo International Day for the Elimination of Violence against Women organizzato dal Comitato Unico di Garanzia dell’Azienda Usl di Modena.

0
169

Una piaga, quella della violenza sulle donne, che non accenna a diminuire, con ripetuti episodi di cronaca che continuano a sconvolgere e a fare riflettere. Nell’ambito dell’impegno e della sensibilizzazione contro i femminicidi prosegue incessante l’attività del Centro Liberiamoci dalla Violenza (LDV) di Modena – primo esempio in Italia di struttura pubblica dedicata al trattamento di uomini autori di maltrattamenti – di cui quest’anno ricorrono i 10 anni dall’inizio dell’attività. Oggi il Centro LDV sarà presente al webinar (ore 14.30)  dal titolo International Day for the Elimination of Violence against Women organizzato dal Comitato Unico di Garanzia dell’Azienda Usl di Modena. Il video dell’iniziativa sarà disponibile nei giorni successivi al link: www.ausl.mo.it/comitato-unico-garanzia

Il Centro LDV ha iniziato la sua attività il 2 dicembre 2011 presso il Consultorio Familiare in viale Don Minzoni 121 a Modena. Il servizio è gestito direttamente dall’U.O Consultori Familiari in integrazione con il Servizio di Psicologia dell’Azienda Usl di Modena, l’accesso è volontario e gratuito. L’obiettivo è quello di riuscire a intervenire sui comportamenti degli autori dei maltrattamenti, andando ad affiancare i servizi già esistenti per la primaria protezione delle vittime di violenza domestica.  In questi anni circa 428 uomini hanno avuto accesso al Centro LDV e 51 sono quelli attualmente in trattamento. La tipologia degli utenti è compresa nella fascia 35-50 anni, con un diploma di scuola media superiore. Dal 2016 il servizio aderisce alla Rete Europea dei Centri che lavorano con gli autori di violenza per promuovere le migliori pratiche d’intervento risultate efficaci e orientate al miglioramento della sicurezza delle donne e dei figli, in una prospettiva di lavoro integrato con le risposte offerte dalla comunità territoriale. La collaborazione con la Rete Europea è stata, in particolare, molto proficua nel corso della pandemia da Covid, per poter strutturare un’ attività efficace in grado di continuare a pianificare e a garantire il lavoro con gli utenti anche nel periodo del lockdown.

Tutte le informazioni sul Centro Ausl Liberiamoci dalla Violenza, primo centro in Italia dedicato al trattamento degli uomini che maltrattano le donne, alla pagina: http://www.ausl.mo.it/ldv