Installate quattro telecamere di sorveglianza ai Laghi Curiel

I nuovi dispositivi permetteranno di monitorare su larga scala gli spazi del parcheggio ovest ed est e quelli di via Albone, vegliando sul rispetto del decoro pubblico, soprattutto durante le ore serali.

0
370

Installate quattro telecamere di sorveglianza ai Laghi Curiel di Campogalliano, meta abituale di numerosi sportivi e amanti della natura provenienti anche da fuori regione. Qui, nello specifico, i nuovi dispositivi permetteranno di monitorare su larga scala gli spazi del parcheggio ovest ed est e quelli di via Albone, vegliando sul rispetto del decoro pubblico, soprattutto durante le ore serali.

“Il regolamento di Polizia urbana ha introdotto un articolo specifico sui comportamenti vietati all’interno dei laghi Curiel – specifica il Comandante della Polizia locale dell’Unione, Davide Golfieri – con la previsione di sanzione per gli atti vietati fino a 450 euro, come per la pratica del nudismo. Ci sono anche sanzioni più aspre, come nell’ambito degli atti osceni, con ammende anche di 10 mila euro, e anche fattispecie di carattere penale per i reati più gravi”.

“Questa è un’area bellissima, attrattiva, sede di attività sportive e culinarie in ogni stagione – commenta la sindaca Paola Guerzoni – la sua vastità, purtroppo, può attirare anche persone che compiono reati come il danneggiamento dei vetri, il più frequente. L’integrazione di questi nuovi dispositivi all’attuale sistema di sorveglianza, che prevede già pattugliamenti quotidiani della polizia locale ma anche del nucleo antidegrado in borghese, garantirà maggiore possibilità di intervento. Proprio per questo, raccomando ai cittadini di denunciare il prima possibile eventuali reati alle forze dell’ordine. Più si è rapidi nel farlo e maggiori sono le possibilità di verificare i movimenti all’interno dell’area”.