Un altro boschetto spontaneo è a rischio abbattimento?

Futuro incerto per l’area compresa tra le vie Alberti, Brunelleschi e Remesina interna. Qualcuno pare infatti averci messo gli occhi sopra avanzando una manifestazione di interesse. Cosa accadrà a questo angolo verde tanto amato dai residenti del quartiere, peraltro già fitto di palazzi, per passeggiare? Cosa vi sorgerà e con quale densità edificatoria? Il rischio che scompaia inghiottito dal cemento, considerati i precedenti cittadini, è tutt’altro che remoto…

0
1121

Un altro fitto boschetto spontaneo rischia di essere abbattuto in città. L’area, di circa 47mila metri quadrati e compresa tra le vie Alberti, Brunelleschi e Remesina interna, è già stata al centro dell’attenzione alcuni anni fa quando venne risparmiata dalla cementificazione grazie allo stop espresso dal Consiglio Comunale nel dicembre 2014. Con voto unanime, infatti, il civico consesso rispedì al mittente l’autorizzazione alla presentazione del Piano particolareggiato di iniziativa privata PP 2 – via Bernini che prevedeva la possibilità di costruire sull’area centinaia di alloggi. Una bocciatura dettata dalla volontà di autotutelarsi dopo i dissapori sorti tra i proprietari ma che permise di fatto di non sottrarre ulteriore suolo a una città già largamente cementificata.

In tanti, anche in considerazione degli altissimi indici edificatori previsti, avevano dunque tirato un sospiro di sollievo ma ora le cose potrebbero cambiare. Futuro incerto infatti per l’area rinaturalizzata a ridosso della Romana Nord dal momento che qualcuno pare averci messo gli occhi sopra avanzando una manifestazione di interesse. Cosa accadrà a questo angolo verde tanto amato dai residenti del quartiere, peraltro già denso di palazzi, per passeggiare? Cosa vi sorgerà e con quale densità edificatoria? Il progetto passerà il vaglio dell’Amministrazione? Il rischio che scompaia inghiottito dal cemento, considerati i precedenti cittadini, è tutt’altro che remoto… 

Jessica Bianchi