Preparare un trasloco: come organizzare il lavoro

Se è vero che un trasloco può essere motivo di stress, è altrettanto vero che pianificare il lavoro per tempo può aiutare a ridurre fatica e tempi.

0
367

Se è vero che un trasloco può essere motivo di stress, è altrettanto vero che pianificare il lavoro per tempo può aiutare a ridurre fatica e tempi.

Per preparare un trasloco, bisogna partire dalla selezione delle cose da portare: è tutto indispensabile? Oppure qualcosa può essere regalato, magari a un’associazione di beneficenza? Guardati attorno, seleziona oggetti e mobili che non ti servono più e donali: non solo faticherai meno, ma avrai regalato qualcosa che a te non serve a qualcuno che ne ha bisogno. È ciò che non si può regalare, riciclalo nel modo corretto.

Una volta selezionato tutto ciò che dovrai portare nella nuova casa, procurati scatoloni e imballaggi solidi, adatti a trasportare anche cose fragili. Non sottovalutare la qualità del materiale di imballaggio: usare materiale resistente è la scelta giusta da fare per proteggere al meglio i nostri oggetti, fragili è non.

Per esempio, oltre a scatole di cartone robusto, è bene scegliere un  nastro adesivo di buona qualità, in grado di garantire una chiusura del pacco impeccabile. Su e-commerce specializzati quali Rajapack.it, trovi un’ampia varietà di nastri adesivi, in pvc, polipropilene, vinile: usare materiali di buona fattura ti preserverà da eventuali brutte sorprese durante il trasloco.

Naturalmente, prima di acquistare, valuta con attenzione quanto materiale di imballaggio ti serve, così da evitare di trovarti sprovvisto di scatoloni e altri materiali proprio quando ne hai bisogno. Stanza per stanza, fai un conto di quanti scatoloni ti saranno necessari per imballare tutto, e tieni sempre qualche scatola di scorta.

Organizza con criterio il lavoro: decidi da quale stanza partire e quali oggetti dare la priorità, lasciando per ultimo ciò che usi più spesso e impacchettando per primo tutto ciò di cui puoi fare a meno da subito.
Può aiutarti anche definire le tempistiche di lavoro, dandoti una scadenza entro la quale tutti gli imballi devono essere pronti.

Una volta organizzato il da farsi, puoi iniziare a imballare gli oggetti. Intanto, lavora in sicurezza e presta particolare attenzione a oggetti potenzialmente pericolosi come forbici e taglierini. Imballa con cura gli oggetti più fragili: riempi la scatola di materiale di imballaggio (pluriball, millebolle), riempi gli spazi vuoti, usa scatoloni resistenti e richiudili utilizzando nastro adesivo senza lesinare.

Attenzione a non sovraccaricare gli scatoloni: non solo rischi di farti male, ma anche che lo scatolone ceda. E non dimenticare di scrivere su ogni imballo il contenuto, così da non doverti ritrovare ad aprire tutte le scatole per trovare quello che cerchi.

Concluso l’inscatolamento di tutti gli oggetti, puoi procedere col trasloco, affidandoti a una ditta specializzata per trasportare mobili ed elettrodomestici voluminosi.

Il trasloco è concluso: ora puoi goderti la tua nuova abitazione. Come vedi, basta organizzare tutto nel dettaglio per fare un trasloco sereno e sicuro.