Vaccinazioni, “abbiamo bisogno dei medici di medicina generale”

Vaccinazioni anti covid19. Donini: "Ho formalizzato alle rappresentanze dei medici di Medicina generale la proposta di proseguire la collaborazione in corso. Il loro apporto indispensabile per la somministrazione della seconda dose al personale della scuola e ai caregiver familiari”.

0
392

“I medici di medicina generale? Naturale ed essenziale il loro coinvolgimento per la prosecuzione della campagna vaccinale anti-covid19. Abbiamo formalizzato la richiesta per proseguire la collaborazione nella somministrazione della seconda dose di vaccino – con Vaxzevria- AstraZeneca – ai circa 78mila insegnanti e personale della scuola. Oltre a questo target, ho proposto loro di vaccinare con Pfizer e Moderna i caregiver familiari che assistono stabilmente persone che hanno bisogno di assistenza permanente, un target di 250mila persone. Oltre a proseguire l’impegno, operativo in alcune realtà, per le vaccinazioni a domicilio per le persone fragili”, dichiara Raffaele Donini, assessore regionale alla Salute.

“Il successo della vaccinazione alla popolazione – ha aggiuntro – ha bisogno del pieno coinvolgimento di tutti i professionisti della sanità. Per questo è indispensabile proseguire nella collaborazione con i Medici di medicina generale, che già sono impegnati intensamente su questo fronte. Certo, stiamo scontando tutti le incertezze legate alle disponibilità e alla tipologia di vaccini che vengono consegnati al Servizio sanitario regionale”

Le previsioni della Regione sono che, partire dalla settimana del 23 maggio, saranno distribuite 20.000 dosi/settimana di vaccino Pfizer e Moderna ai medici di Medicina generale.

Naturalmente, se ci saranno disponibilità superiori, le quantità – e il target – potranno essere ampliati.