Il Parlamento Europeo degli studenti

Se i nostri parlamentari li avessero visti avrebbero potuto apprezzare la passione, la professionalità, il rispetto per l’istituzione e la determinazione degli studenti che hanno dato vita all’ Assemblea plenaria del Model European Parliament.

0
900

Nel pomeriggio di venerdì 20 e nella mattinata di sabato 21 novembre 85 ragazzi degli istituti superiori di 13 scuole, 11 dell’Emilia Romagna (quattro del Meucci e sette del Fanti di Carpi) e due scuole superiori di Prato si sono ritrovati online per concludere i lavori svolti nei pomeriggi di lunedì 16, martedì 17 e mercoledì 18 novembre.
L’atmosfera, particolarmente formale, è sottolineata dall’abbigliamento scuro ed elegante degli studenti che si attengono al rigido cerimoniale delle istituzioni, ricalcandone il linguaggio.

L’Assemblea ascolta attentamente le risoluzioni avanzate dalle commissioni, propone gli emendamenti per poi procedere al voto. Tutto si svolge come se si trattasse davvero di una seduta del Parlamento europeo.

Il progetto ideato dall’Associazione Mep Italia ha ormai vent’anni (l’associazione fu fondata nell’ottobre del 1996 proprio a Carpi) e si conferma per la sua capacità di coinvolgere i ragazzi in una vera simulazione della vita del Parlamento europeo. Rappresenta un momento di crescita perché si tratta di un progetto che apre nuovi mondi nella mente dei giovani.
A questa sessione regionale seguirà una sessione nazionale e, infine, una a livello europeo.

Lavorare all’interno delle otto commissioni (per il commercio internazionale, per l’ambiente, per il mercato interno e la protezione dei consumatori…), approfondire le tematiche (emergenza migratoria, nuove tecnologie, clima, criminalità organizzata in Europa…) attraverso una documentazione approfondita, elaborare risoluzioni per rispondere alle problematiche, imparare a fare sintesi di idee e opinioni diverse e arrivare a parlare con una voce sola, davanti a tutti, in modo appropriato: è in questo che si devono cimentare gli studenti.

Chi ha partecipato negli anni passati torna e si rende disponibile con un ruolo di maggiore responsabilità (chair). Ci sono persino gli studenti che oggi frequentano l’Università per dare il loro contributo dimostrando grande attaccamento al progetto: Luca Ugoni, referente dell’Associazione Mep Italia per Emilia Romagna e Toscana, Matilde Inzoli Govoni, con Ugoni nel direttivo, e Veronica Grisendi hanno guidato i ragazzi dalla “cabina di regia” allestita al Liceo Fanti di Carpi.