Un webinar sul progetto dell’Oltreferrovia aperto ai cittadini

Un tele-seminario sull'Oltreferrovia, organizzato dal Comune in collaborazione con l'Università di Parma e con la partecipazione di relatori, è in programma mercoledì 8 luglio, dalle 18 alle 20; chiunque potrà partecipare e fare domande: basta iscriversi su https://sites.google.com/comune.carpi.mo.it/weoltreferroviabiner - agli iscritti arriverà una mail con le istruzioni per prendervi parte e per formulare quesiti ad amministratori e ospiti.

0
501

Un tele-seminario sull’Oltreferrovia, organizzato dal Comune in collaborazione con l’Università di Parma e con la partecipazione di relatori, è in programma mercoledì 8 luglio, dalle 18 alle 20; chiunque potrà partecipare e fare domande: basta iscriversi su https://sites.google.com/comune.carpi.mo.it/weoltreferroviabiner – agli iscritti arriverà una mail con le istruzioni per prendervi parte e per formulare quesiti ad amministratori e ospiti.

Dopo il saluto introduttivo del sindaco Alberto Bellelli, il programma prevede gli interventi di: Riccardo Righi, Assessore comunale all’Urbanistica, per inquadrare l’iniziativa; Dario Costi, docente dell’ateneo parmigiano, che aggiornerà sullo stato di avanzamento del progetto; Maurizio Marinelli, Presidente dell’associazione Parco Lama, sul parco stesso; Corrado Faglioni, Presidente della Fondazione “Cassa di Risparmio di Carpi”, che parlerà di “Oltreferrovia uno spazio di futuro”; e Angelo Frascarolo, Presidente della Consulta comunale dell’Ambiente, su “Uno spazio per l’ambiente”. Questo seminario on-line sarà la prima occasione per un confronto sull’idea di rigenerazione urbana pensata dal Comune in collaborazione con l’Università di Parma, il cui obiettivo è rileggere la ferrovia come cerniera e non come cesura, come collegamento e non barriera tra il vicino centro storico e le zone a est dei binari. Fra le soluzioni ipotizzate per avvicinare le due parti, un nuovo sottopasso viario sotto via Roosevelt e il prolungamento di quello pedonale dentro la stazione, in un sistema di parchi da fruire non solo come aree verdi dove fermarsi, ma anche come zone di attraversamento.