Un Arcobaleno di Sapori a Fossoli

Ha aperto a Fossoli, in via Martinelli, 70/B, la gastronomia I sapori dell’arcobaleno di Giulia Curti: antipasti primi, secondi piatti, contorni e dolci, oltre una selezioni di vini e birre per l’aperitivo.

0
1284
Giulia Curti

In un novembre grigio e piovoso, Giulia Curti ha portato un raggio di colore e sapore con l’apertura della sua gastronomia I sapori dell’arcobaleno in via Ivano Martinelli, 70/B a Fossoli.

I sapori dell’arcobaleno offre un ventaglio di prodotti gastronomici legati al territorio e alla stagionalità: tagliatelle al ragù, lasagne, tortelloni verdi o di zucca, gramigna con la salsiccia, polenta pasticciata, polpette di ricotta e bietole, zucchine ripiene, costine in umido, gnocco fritto e crescentine, crostate e molto altro ancora a seconda della stagione e dell’ispirazione.

Del resto i colori e la creatività sono nel dna di Giulia, cresciuta in mezzo a sfogline, ha gestito per molti anni un negozio di piante e fiori e sono proprio la tradizione e la natura gli ingredienti principali dei suoi piatti.

“Sin da piccola – racconta Giulia Curti – ho appreso i gesti e i segreti della pasta impastata e tirata a mano grazie all’esempio di mia mamma e di mia nonna. La passione per la cucina è sempre stata molto forte in casa nostra. Per un po’ ho intrapreso un’altra strada, quella della floricoltura, ma poi ho sentito l’esigenza di tornare ai profumi e ai sapori che hanno reso speciale la mia infanzia: quelli legati al cibo. Presso la nostra gastronomia potrete trovare tutti i principali piatti della tradizione, a volte rivisitati, preparati da me e dalla mia mamma Lella, una vera rezdora. La scelta dei prodotti utilizzati è legata principalmente alla loro stagionalità, ma anche alla linea dell’arcobaleno alimentare, dove frutta e verdura formano un vero e proprio arcobaleno di tonalità differenti e di benefici, associati proprio al loro colore”.

I sapori dell’arcobaleno è un luogo accogliente dove ritagliarsi una pausa di piacere, fermandosi a pranzo, cena o per un aperitivo attorno ai tavolini colorati sistemati ordinatamente nel locale, oppure dove prendere le pietanze d’asporto direttamente nelle vaschette ecologiche in polpa di cellulosa e poi gustarle a casa propria.

“Ci sarà sempre una lavagna esposta sia fuori che dentro con i piatti del giorno – spiega Giulia – e per l’aperitivo propongo una serie di stuzzicanti finger food, come polpette croccanti di vari gusti, polenta e gnocco fritto, crescentine e pizzette, anche originali come con zucca e pecorino, accompagnati a birre artigianali e vino del territorio. Il mio desiderio è riaccendere nei clienti un’esplosione di gusti e profumi che li riporti al passato, alla genuinità e al calore di certe tavole apparecchiate, perché la cucina è una storia d’amore”.

Chiara Sorrentino