Nuovi aiuti ai terremotati

0
267

Nuovi aiuti dalla Regione Emilia-Romagna ai terremotati in difficoltà che ancora vivono nei prefabbricati. Non tutti i contributi stanziati la scorsa primavera, infatti, sono stati utilizzati. E così viale Aldo Moro ha deciso di rimettere a disposizione le risorse avanzate, dal momento che "gli eventi sismici hanno prodotto ingenti danni e ripercussioni sulla popolazione" e che i nuclei familiari "piu' fragili ospitati per particolari esigenze nei moduli abitativi vivono uno stato di forte disagio". Proprio per "far fronte alle situazioni tuttora permanenti di grave disagio economico di alcuni nuclei familiari terremotati", in marzo la Giunta Bonaccini aveva valutato la possibilità di "intervenire con misure di contrasto delle povertà e di sostegno al reddito, fra cui il prestito d'onore, che consentano ai nuclei terremotati di riacquistare una progressiva autonomia e il ritorno alle normali condizioni di vita". La Regione aveva dunque stanziato 200mila euro, di cui però  sono stati utilizzati poco meno 103.000 euro. A questo punto, vista la disponibilità dei restanti 97mila euro, viale Aldo Moro ha deciso di assegnare "ulteriori fondi agli enti che ne faranno richiesta, fermo restando l'ammissibilita' delle spese sostenute entro il 30 settembre 2017". I Comuni del cratere che hanno diritto ai contributi, che saranno erogati tramite l'Agenzia regionale di Protezione civile, sono: Argelato, Galliera e Crevalcore nel bolognese; Finale Emilia, Camposanto, Medolla, Carpi, Mirandola, San Felice sul Panaro, Cavezzo, Modena, San Possidonio, Nonantola, San Prospero, Concordia, Novi di Modena, Soliera e Ravarino; Reggiolo, Rio Saliceto, Rolo e Correggio; Bondeno, Cento, Sant'Agostino, Poggio Renatico e Vigarano Mainarda.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here