“Non arrendiamoci al buio e al silenzio

0
259

 Il centro storico non è mai stato tanto vivo. Ecco perché continuano a nascere comitati”, sorride l’assessore Simone Morelli. “Negli ultimi anni abbiamo lavorato molto sul cuore della città e non solo attraverso le numerose iniziative che lo animano. Prima di costruire visioni sul lungo termine e immaginare la città di domani, è necessario anche mettere mano alle piccole cose. Io sono prima di tutto un amministratore e reputo quindi la manutenzione e il decoro urbano fondamentali: occorre quindi sistemare i fili e le tende dei portici di Piazza Martiri, ripulire guano e sporcizia… così come è imprescindibile restituire il Torrione degli Spagnoli alla cittadinanza”.

L’assessore dichiara di comprendere le istanze dei residenti, “le regole vanno rispettate e riguardate laddove non tengano conto delle necessità di tutti, ma non arrendiamoci al buio e al silenzio. C’è una via di mezzo: se ci fermiamo alle polemiche, non andiamo da nessuna parte. E noi vogliamo rendere questa città sempre più attrattiva e attraente, rendendo i contenitori sempre più belli e riempiendoli di contenuti”. Alla richiesta dei residenti di qualificare maggiormente l’offerta, Morelli è laconico: “la costituzione del Centro Unico di Promozione va proprio in quella direzione”.

Su “moderazione e rispetto delle regole – continua – non si discute, ma noi vogliamo che il centro storico sia di tutti e per tutti. Un luogo aperto, brillante e sicuro”. Per dire no al silenzio, al degrado e al decadimento.

Jessica Bianchi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here