Una settimana di scambio

0
128

Nei giorni scorsi alcuni studenti del Gateshead College di Newcastle sono stati ospiti degli studenti dell’Itis Leonardo da Vinci di Carpi. Già nel marzo 2013 la scuola inglese aveva dimostrato interesse per il progetto Escorpio, il prototipo costruito da un gruppo di ragazzi del Vinci, che dal 2007 partecipa alla competizione internazionale Shell Eco-marathon con ottimi risultati. E’ stato soprattutto il lavoro di ricerca, progettualità e innovazione (alla base della creazione del prototipo) che ha attirato l’attenzione del College inglese, il quale, a sua volta, ha un dipartimento dedicato all’Automotive che si avvale di modalità e tecnologie all’avanguardia. Si aggiunga il fatto che la Motor Valley  della nostra regione è conosciuta all’estero come una realtà produttiva d’eccellenza nell’ambito della Meccanica e della Meccatronica. Da queste premesse stimolanti, nel maggio 2014 è nato il progetto Exchange of Excellence coordinato per la parte italiana  dalle docenti Donatella Barp ed Elisabetta Ferretti (responsabili dell’organizzazione internazionale), Stefano Covezzi e Marco Vidoni (per la parte tecnica);  per la parte inglese dalla professoressa Anne Briffa (organizzazione internazionale) e dal professor Gavin Batie (docente e Manager del settore automotive, responsabile della sezione tecnica). Un programma fitto di attività ha impegnato gli studenti dell’Itis e i loro partners inglesi dal 22 al 28 ottobre. Hanno partecipato alla Fase 1 dello scambio 11 studenti italiani e 6 studenti inglesi: Alessandro Cariati della classe 2BM, Daniele Timò 3BM, Mattia Limonta 4BM, Andrea Manganiello, Marcello Morini, Nicholas Benfatti, Andrea Artioli e Giovanni Ceglia 3AE, Giorgia Gatti 5BE, Sebastiano Bonini e Federico Gualdi 3AI; e i colleghi inglesi Aaron R. Buckam, Sam J. Willis, Bent C. William, Bradley J. Towert-Adams, Nathan Foster e Luciana Cristina Jones. La Fase 2 del progetto prevede che nel mese di marzo gli studenti del Vinci si rechino a Newcastle. Le visite al Museo Ferrari di Modena e a quello di Maranello, la visita alla Ducati e la partecipazione alle relative attività laboratoriali hanno entusiasmato tutti gli studenti; in ambito carpigiano le visite alla GN e alla NCS LAb, ditte conosciute per l’innovazione tecnica e dei materiali, sono state  decisamente apprezzate. Non è stato sottovalutato nemmeno l’aspetto artistico-culturale, con le visite guidate di Carpi e del centro storico di Modena, al Duomo, alla Ghirlandina e a Piazza Grande, con due guide d’eccezione, Sebastiano Bonini e Federico Gualdi, studenti del corso di informatica dell’istituto, che hanno preparato la descrizione e la spiegazione dei monumenti.
Non poteva mancare l’aspetto ludico: partita di calcetto nella palestra dell’Istituto vinta dagli italiani, gara di cucina presso il Centro Righi, con la preparazione del gnocco fritto e conseguente valutazione del miglior prodotto della serata, che si è concluso… a pari merito con verdetto imparziale della giuria formata dagli “inflessibili” docenti inglesi. Lunedì 27 nel pomeriggio la delegazione inglese e gli studenti italiani sono stati accolti nella sala consiliare dal sindaco e dall’assessore alle politiche scolastiche che hanno espresso il loro caloroso benvenuto. Concluso il momento ufficiale, il pomeriggio è proseguito con la Caccia al Tesoro in Centro a Carpi: le istruzioni erano naturalmente in lingua inglese e i 2 team misti italo-inglesi si sono affrontati all’ultimo brownie, i golosi dolcetti al cioccolato. Durante i 6 giorni in cui si è svolto lo scambio un momento importante è stata la lezione di Meccanica in Inglese tenuta dal professor Batie alle classi quarte e quinte del corso di Meccanica. Fondamentale è stata l’accoglienza: la disponibilità e la generosità delle famiglie ospitanti ha reso possibile la realizzazione del progetto, facendo cogliere agli studenti stranieri aspetti della vita quotidiana e, nella giornata di domenica, la bellezza di alcune città d’arte: da Milano a Venezia, a Firenze. Insomma, davvero una settimana di… scambio di eccellenze.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here