Sono 50 le famiglie aiutate dalla Parrocchia

0
106

L’esperimento iniziò quattro anni fa nel periodo di Avvento, per iniziativa di don Alberto Bigarelli, parroco di San Bernardino Realino, la chiesa di via Alghisi, comprendente anche la vasta area a est della ferrovia, nel quartiere detto dei ‘romani’.
Si trattava di dare una risposta di solidarietà cristiana alle esigenze manifestate da parrocchiani  in difficoltà: essere accolti, ascoltati e aiutati con generi  alimentari e nella ricerca di un posto di lavoro.
E così a don Alberto venne l’idea di costituire un apposito gruppo di lavoro composto da generosi volontari, disponibili a occuparsi del problema.
Venne così costituito un Centro di ascolto che da allora si riunisce ogni martedì mattina  nei locali della parrocchia dove riceve e ascolta le persone che si trovano in stato di necessità. Si tratta perlopiù di disoccupati alle prese col problema di procurarsi viveri: la metà di queste persone sono immigrati dell’Est europeo, africani e asiatici.
Dopo un colloquio iniziale per chiarire le condizioni socio-economiche nelle quali si trovano le famiglie, i componenti  della Commissione proseguono i colloqui  settimanalmente affinché il Gruppo di lavoro possa seguire l’evoluzione e gli sviluppi delle situazioni del nucleo famigliare nei suoi aspetti lavorativi, sanitari, scolastici e  delle esigenze economiche e alimentari. Gli interessati  possono ritirare  una sporta contenente prodotti di prima necessità come farina, zucchero, latte, olio, pasta, riso, biscotti, conserve di pomodoro, tonno e prodotti per l’igiene personale. E, nei casi più gravi e urgenti, anche un aiuto economico per le spese farmaceutiche e il pagamento dei ticket sanitari.
Uno sforzo economico e organizzativo non indifferente da parte della parrocchia e del Gruppo dei volontari: persone che si sono assunte questo onere, assolvendolo seguendo le parole del Vangelo e gli accorati appelli del Papa di aiutare quanti sono in difficoltà. Un servizio di solidarietà umana e sociale che si avvale del sostegno di  generosi parrocchiani ed enti, grazie ai quali la chiesa retta da don Alberto Bigarelli  continua a svolgere questa meritoria attività in favore del prossimo,  particolarmente richiesta in questo momento di grave recessione economica.
Cesare Pradella
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here