Rock blues d’annata

0
94

Il verbo “to stumble” in inglese significa inciampare e, oltre al sound accattivante, per i componenti della The Stumble Rockbluesband, questo nome indica il loro – e il nostro – “inciampare nella musica blues”, in quelle melodie avvolgenti e in grado di contagiare il pubblico, come quella del brano The Stumble di Gary Moore a cui si sono ispirati e che eseguono spesso nelle loro esibizioni live. “L’idea di formare la band – racconta il batterista Alberto Davolio – è nata nel 2005 quando il Maestro Pierpaolo Pancaldi mi contattò per chiedermi se volevo far parte del suo progetto di una Band Rock Blues. Mi conosceva perché suonavo nell’unica tribute band degli U2 nel reggiano. Pierpaolo è una vera forza della natura: diplomato al Conservatorio in canto e pianoforte, suona anche tastiere, chitarra, armonica e ukulele, e rappresenta per noi un punto di riferimento, preparando i pezzi e aiutandoci a suonarli al meglio. In seguito, contattammo il bassista Fabio Fellina e così il progetto iniziò.
Gli esordi sono stati belli e difficili allo stesso tempo, in quanto non eravamo conosciuti e stavamo ancora creando il nostro sound e il nostro groove, ma rimangono indimenticabili. Abbiamo suonato in varie realtà locali anche piccole, ma tutto questo è servito per farci le ossa”.
Fanno parte di The Stumble Rockbluesband anche il sassofonista Luca Azzarri, il trombettista Giuseppe Di Bello e il soprano roveretese Elisabetta (Betty) Tagliati. “Elisabetta è stata una vera sorpresa. Sin da quando ha fatto il primo provino nell’estate del 2012, ci ha impressionati con la sua estrema musicalità e la sua spiccata personalità nell’interpretare brani Blues e non solo.
E’ una grandissima voce – spiega Alberto – che merita di essere ascoltata, specialmente nelle interpretazioni come solista, ma anche per i suoi look di scena, davvero particolari”. Gli artisti ai quali si ispirano i The Stumble sono diversi, ma in ogni caso, essendo una cover band Rock Blues, la matrice è quella derivante da Gary Moore, Chicago ed Eagles.
“La nostra scaletta si compone di tanti pezzi – prosegue Alberto – ma probabilmente quelli più emozionanti sono Hotel California degli Eagles, che eseguiamo con un’introduzione di tromba da brivido, e Long Train Running che proponiamo in modo fedele alla versione originale live fatta dai Doobie Brothers.
Il nostro sound si avvicina alle sonorità degli Anni Settanta/Ottanta e i pezzi che proponiamo derivano dalla condivisione di idee. Sul palco poi, cerchiamo di stimolare il pubblico facendolo interagire con noi”.
Ma a quando un album di brani originali?
“Non abbiamo mai affrontato questo argomento, anche se abbiamo dei pezzi originali che abbiamo suonato qualche volta in alcune feste private. Potrebbe essere un progetto futuro, anche se, per ora, siamo felici di restare una cover band. Però un sogno nel cassetto l’abbiamo: una possibile collaborazione con un noto locale di Milano, ma per il momento non aggiungiamo altro per scaramanzia”.
Per quanto riguarda le prossime date dei The Stumble, oltre all’appuntamento del 14 settembre alla Festa della Birra di Scandiano, del 22 al Public House Pub di Suzzara e del 19 ottobre al Circolo Jack di Reggio Emilia, c’è anche un evento importante che si svolgerà domenica 15 settembre, a Fossoli, in via Mar Jonio.
“Grazie al gruppo Fossoli Live & Friends e al Comune di Carpi – spiegano – ci esibiremo per un concerto di beneficenza il cui intero ricavato sarà devoluto per la ricostruzione del Centro Polivalente per Anziani, della Chiesa e dell’Oratorio di Fossoli, danneggiati gravemente dal sisma del maggio 2012 e tuttora inagibili. Oltre al nostro concerto delle 21,30, già dalla mattina ci saranno oltre 250 espositori del Mercatino del Riuso e stand gastronomici.
A questa iniziativa teniamo particolarmente perché ci riempie di orgoglio poter dare un contributo con la nostra musica a chi ha avuto danni non solo materiali, dopo il terribile sisma del maggio scorso che è sempre vivo nella memoria di tutti”.
Chiara Sorrentino

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here