“Noi vogliamo giocare al Cabassi”

0
82

“Sgomberiamo immediatamente il campo da ogni equivoco: noi non giocheremo a Modena, stiamo facendo tutto il possibile per restare nella nostra città e non vogliamo prendere in considerazione nessun’altra opzione”. Parola di presidente Claudio Caliumi. Pare infatti ormai certa la sorte del nostro “grande vecchio”. Lo Stadio Cabassi, per il quale è stato presentato un progetto di restyling realizzato dai professionisti di Area Progetto Associati (Perugia) per conto del Carpi FC 1909, è ora in attesa del nullaosta ufficiale da parte della Commissione Provinciale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo e della Lega Nazionale Professionisti Serie B. “Il via libera a procedere dovrebbe arrivare entro il 25 luglio – assicura Caliumi – dopodiché il cantiere partirà immediatamente e in 40/50 giorni di lavori, lo stadio sarà pronto per ospitare la squadra”. Sono cinque le mosse da mettere in campo per guadagnarsi la deroga necessaria e iniziare a giocare tra le pareti amiche del Cabassi: dalla realizzazione della tornellatura degli ingressi alla creazione di una nuova uscita di emergenza nel settore “Distinti”, dal restauro spogliatoi al rifacimento del manto erboso, alla posa dei seggiolini in tutto l’impianto sportivo. Per il resto, prosegue Caliumi “ci sarà tempo”. Nullaosta alla mano, la società inizierà anche la campagna abbonamenti per una stagione che si annuncia caldissima. E mentre i calciatori si ritirano a Brentonico e la campagna acquisti continua, il presidente non perde occasione per ribadire che, sono i giovani la vera forza del Carpi. “Continueremo a investire e a credere in loro, tenendo sempre gli occhi spalancati sulla Lega Pro a caccia di nuovi talenti”.
Jessica Bianchi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here