Rapina a mano armata al Borgogioioso, 50enne condannato a tre anni di reclusione

Il provvedimento di carcerazione è stato eseguito nel pomeriggio di ieri dai Carabinieri di Correggio, comune dove l’uomo risiede.  

0
1716
Immagine del 6 dicembre 2021

Il 6 dicembre 2021, intorno alle 13.30, nella Galleria del centro commerciale Borgogioioso di Carpi, una guardia giurata col borsone contenente le cassette prelevate dal bancomat e dalla cassa continua della Bper, era stato raggiunto da un malvivente, travisato con mascherina, cuffia e cappuccio calzati, il quale, con fare minaccioso e impugnando una pistola, lo aveva intimato di lasciare il borsone con gli incassi, per poi spingerlo una prima volta contro una porta a vetri che andava in frantumi. Il vigilante dopo aver reagito era poi stato colpito da un colpo di pistola alla gamba sinistra.  I rapinatori, tra cui il 50enne condannato oggi,  avevano sfilato l’arma della guardia giurata e preso la borsa prima di darsi alla fuga a bordo di un’auto rubata.

Immagine del 6 dicembre 2021

A seguito di approfondite indagini delle forze dell’ordine, il 50enne è stato individuato, arrestato e portato in carcere. A seguito dell’iter processuale, con sentenza emessa in data 17/04/2023 dal GIP del Tribunale Ordinario di Modena, confermata dalla sentenza emessa il 22 dicembre 2023 dalla Corte d’appello di Bologna divenuta definitiva il 21 giugno 2024, l’uomo è stato riconosciuto colpevole, e condannato a 3 anni di reclusione oltre al pagamento di una multa di 1.400 euro. Per questi motivi, l’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Modena, in data 2 luglio ha emesso l’ordine di esecuzione per la carcerazione. Il provvedimento restrittivo è stato eseguito nel pomeriggio di ieri dai Carabinieri di Correggio, dove l’uomo risiede. I militari della stazione di Correggio, quindi, hanno raggiunto l’uomo presso la propria abitazione in cui si trovava, lo hanno arrestato e hanno dato esecuzione al provvedimento accompagnando l’uomo in carcere per l’espiazione della pena.