La Cooperativa Bilanciai promuove l’uso della bicicletta per andare al lavoro

A guidare il gruppo il presidente di Cooperativa Bilanciai, Enrico Messori: “naturalmente questa biciclettata rappresenta un gesto simbolico che punta, compatibilmente con le distanze e le condizioni climatiche, a utilizzare meno i mezzi a motore sostituendoli con le due ruote. Devo comunque aggiungere che diversi collaboratori hanno già assunto questo comportamento virtuoso”.

0
564

Andare al lavoro col mezzo più ecologico che esiste, la bicicletta: tutto era stato organizzato per il 22 settembre scorso, in coincidenza con la giornata Bike to work promossa da Fiab – Federazione italiana ambiente e bicicletta, ma il maltempo ci ha messo lo zampino. Nessuno però a Cooperativa Bilanciai di Campogalliano ha voluto rinunciare e così si è deciso di far slittare di una settimana la pedalata collettiva. Una scelta azzeccata a giudicare dal numero di adesioni dei collaboratori, oltre una trentina. 

A guidare il gruppo il presidente di Cooperativa Bilanciai, Enrico Messori: “naturalmente questa biciclettata – commenta – rappresenta un gesto simbolico che punta, compatibilmente con le distanze e le condizioni climatiche, a utilizzare meno i mezzi a motore sostituendoli con le due ruote. Devo comunque aggiungere che diversi collaboratori hanno già assunto questo comportamento virtuoso. Mi piace infine sottolineare che questi momenti rafforzano lo spirito di squadra perché ci consente di conoscerci ancora meglio anche al di fuori del lavoro”.

Fabrizio Tabacchi

Al traguardo, tagliato in gruppo, niente cronometri o coppe da consegnare, bensì un’abbondante colazione prima di iniziare il lavoro. La maggior parte dei partecipanti è partita dai comuni di Campogalliano e di Modena; una menzione speciale va a Fabrizio Tabacchi che, in sella alla sua fedele mountain bike, ha percorso il tragitto più lungo da Sassuolo a Campogalliano, andando ben oltre i venti chilometri.