Dieci ragazzi carpigiani parteciperanno al campo di Libera col contributo del Comune

Anche quest’anno il Comune di Carpi sostiene il campo di lavoro volontario organizzato da Libera nelle terre di mafia: dal 28 agosto al 3 settembre dieci giovani carpigiani si recheranno a Casal di Principe, in provincia di Caserta, per un soggiorno all’insegna della legalità su terreni e beni confiscati alle mafie.

0
804
Foto di una precedente edizione

Anche quest’anno il Comune di Carpi sostiene il campo di lavoro volontario organizzato da Libera nelle terre di mafia: dal 28 agosto al 3 settembre dieci giovani carpigiani si recheranno a Casal di Principe, in provincia di Caserta, per un soggiorno all’insegna della legalità su terreni e beni confiscati alle mafie.

L’esperienza è organizzata dal presidio cittadino dell’associazione, intitolato a Peppe Tizian, il funzionario di banca assassinato a Locri nel 1989 (padre del giornalista Giovanni, che all’epoca aveva sette anni).

Il contributo dell’Amministrazione comunale (1.400 euro), servirà a sostenere le spese di viaggio del gruppo, composto da persone fra i 18 e i 30 anni.

“Tra gli obiettivi dell’assessorato vi è lo sviluppo di progetti e percorsi finalizzati a favorire la creatività, il protagonismo, la partecipazione, l’aggregazione giovanile – spiega Davide Dalle Ave, assessore alle Politiche giovanili – così come la promozione della cittadinanza attiva su tematiche legate all’educazione, alla pace, ai diritti ed alla legalità. Da qui il nostro convinto sostegno, da anni, a queste encomiabili iniziative del presidio carpigiano di Libera”.