L’Erasmus dei docenti rinnova l’amore per il proprio lavoro e offre nuovi spunti didattici

A partire da marzo 2022, venticinque docenti dell’Itis Leonardo da Vinci, selezionati con un bando interno, hanno seguito corsi di formazione in Finlandia, Svezia, Irlanda, Islanda, Estonia, Spagna e Portogallo. “Questi corsi di formazione hanno fornito materiale utile per migliorare l’offerta formativa della scuola e attivare in futuro forme di collaborazione con scuole dell’Unione Europea e mobilità degli studenti”.

0
1304
Docenti di inglese

Il 24 e 25 maggio, presso l’Auditorium Loria, si sono svolte due giornate di formazione e disseminazione, a conclusione del progetto Erasmus+ KA122-SCH, grazie al quale 25 docenti dell’Istituto Tecnico Leonardo da Vinci sono stati impegnati nelle mobilità all’estero per la formazione su numerosi argomenti: dall’incremento del successo formativo e diminuzione della dispersione scolastica all’aumento delle competenze CLIL, dallo sviluppo di competenze di cittadinanza attiva, cittadinanza Europea, sviluppo sostenibile all’aumento delle competenze digitali dello staff. L’evento, organizzato dalle referenti della Commissione Progetti Europei del Vinci, professoresse Anna Carretta, Chiara Sbordone, Fabrizia Soprani e Tiziana Tibaldi, ha avuto l’obiettivo di  condividere con i partecipanti le esperienze e  le buone pratiche  apprese durante le mobilità. Presente alla prima giornata l’assessore alle Politiche Scolastiche Davide Dalle Ave che ha sottolineato l’alta qualità riconosciuta alle scuole di Carpi, che attirano studenti anche da fuori città e l’importanza degli scambi con altri Paesi che arricchiscono i docenti e migliorano la didattica, con ricadute positive sugli studenti. Presente anche il professor Maurizio Macciantelli, Responsabile dell’Ufficio Studi – Ufficio VIII di Modena, che si occupa di formazione e PCTO, che ha ribadito l’importanza della formazione dei docenti, resa strutturale negli ultimi anni e incrementata da cospicui investimenti. Macciantelli ha sottolineato come il Da Vinci sia una scuola all’avanguardia, aperta al territorio, e ha ringraziato i docenti protagonisti del progetto. Hanno salutato il pubblico presente alcuni studenti di 5B Informatica, che hanno creato il sito di Erasmus+ e hanno vinto un concorso interno alla scuola bandito per la creazione del logo del progetto. Il dirigente scolastico, professor Marcello Miselli, ha ringraziato le docenti di inglese organizzatrici del progetto, i docenti che hanno partecipato alle mobilità e ha rivolto un ringraziamento particolare alla Direttrice dei Servizi Generali Amministrativi, dottoressa Annarita Esposito, che ha seguito la parte burocratica e contabile. Concentrandosi sulla promozione di metodi di insegnamento innovativi e sull’arricchimento dei percorsi di apprendimento degli studenti, la conferenza si è rivelata un catalizzatore per un cambiamento positivo nel nostro panorama educativo. A partire da marzo 2022, venticinque docenti del Vinci, selezionati con un bando interno, hanno seguito corsi di formazione in Finlandia, Svezia, Irlanda, Islanda, Estonia, Spagna e Portogallo. “Questi corsi di formazione hanno fornito materiale utile per migliorare l’offerta formativa della scuola e attivare in futuro forme di collaborazione con scuole dell’Unione Europea e mobilità degli studenti” spiegano.“Sono state esperienze uniche di arricchimento personale e professionale”, continuano le referenti del progetto, “Attraverso lo scambio di idee, risorse e strategie, abbiamo rafforzato  competenze fondamentali come il lavoro di squadra, rinnovando l’entusiasmo per la nostra professione e rafforzando l’identità internazionale del nostro istituto”.

5B Informatica

Tra i relatori sono intervenuti anche la professoressa Emma Giurlani, ambasciatrice  eTwinning Erasmus, la dottoressa Elisabetta Olivastri del Centro Europe Direct di Modena e in videoconferenza il dottor Maart Laanpere, formatore Euneos e professore all’Università di Tallinn, la Dott.ssa Karin Helmerson, Coordinatrice Internazionale e Course Manager di Frida Education in Svezia: le loro presentazioni hanno sottolineato i vantaggi a lungo termine dei progetti Erasmus al fine di scambiare conoscenze e celebrare l’impatto trasformativo delle collaborazioni internazionali nel campo dell’istruzione. Al termine, i partecipanti hanno raccolto con entusiasmo spunti e idee da implementare nelle classi. La conferenza ha rafforzato l’idea che i progetti Erasmus non solo arricchiscono l’esperienza educativa, ma contribuiscono anche alla crescita personale e professionale di studenti ed educatori. I docenti auspicano che l’Istituto da Vinci continui la lunga tradizione di progettazione europea che l’ha sempre contraddistinto.