Eortè progetta una comunità educativa diurna per ragazzi in difficoltà

Una comunità educativa semi-residenziale diurna per bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni in situazione di disagio. La realizzerà la cooperativa sociale Eortè di Soliera che gestisce da anni la Casa del Glicine, nella quale vengono accolte, su invio dei servizi sociali, donne e madri in difficoltà abitativa, educativa, familiare.

0
673

Una comunità educativa semi-residenziale diurna per bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni in situazione di disagio. La realizzerà la cooperativa sociale Eortè di Soliera che gestisce da anni la Casa del Glicine, nella quale vengono accolte, su invio dei servizi sociali, donne e madri in difficoltà abitativa, educativa, familiare.

La Casa del glicine

“Nel territorio delle Terre d’Argine non esiste a oggi a una comunità diurna per minori, un servizio di cui si avverte la mancanza. Crediamo sia necessario creare un luogo sicuro e protetto in cui i bambini e ragazzi in difficoltà possano svolgere le attività quotidiane del doposcuola – afferma la direttrice di Eortè, Valentina Pepe – con il supporto di un’equipe specializzata di psicologi ed educatori. In questi anni progetti come la Casa del Glicine si sono dimostrati efficaci. Le numerose attività a sostegno dei minori sottolineano la forte volontà della nostra cooperativa di agire sulla prevenzione delle problematiche sociali, cercando di costruire percorsi alternativi e mirati per ragazzi e ragazze che – conclude la direttrice di Eortè – vivono situazioni difficili dal punto di vista personale, familiare o scolastico”.