Casa di bosco: l’arte a 360° di Marika Benatti

Un'artista poliedrica che ha fatto dell'arte la sua vita. Marika Benatti, oltre che cantante e compositrice è anche pittrice e artigiana. In Casa di bosco a Carpi, riunisce tutte le sue opere frutto della sua immensa creatività.

0
1568

Un senso per l’arte e la bellezza che si tramanda di generazione in generazione. Con un padre cantante, una madre sarta e ricamatrice e i nonni materni musicisti, la carpigiana Marika Benatti ha iniziato a mostrare fin da piccolissima le sue doti artistiche. La prima a emergere è stata quella per il canto, incoraggiata dai genitori che l’accompagnavano a concorsi canori per bambini, tant’è che da grande è diventata interprete e compositrice. In seguito, intorno ai 16 anni, ha iniziato a manifestarsi anche il talento per l’arte incanalato soprattutto nella pittura e nell’artigianato di tipo folkloristico. Nasce così Casa di bosco, il progetto artistico e artigianale in cui Marika riversa tutta la sua creatività.

Cos’è Casa di bosco?

“È il mio mondo fantastico fuori dal mondo reale, dove chi lo desidera può trovare le mie opere e una parte del mio spirito che racchiude dipinti, gioielli in tessuto, cappelli, scatole decorate, e bambole in pannolenci”.

Da dove trai l’ispirazione per le tue creazioni?

“Sono appassionata di arte fiamminga, e questa influenza penso si colga nei miei dipinti, in particolare nei volti e nell’uso della luce. I miei quadri, in parte naif, sono la conseguenza di una vita vissuta nella campagna della bassa padana, in riva ai fiumi a pescare con mio fratello e mio padre, o nei fossi a cercare ranocchi e tritoni, e ancora a giocare in mezzo alla neve, o andare a viole in primavera con i tanti compagni di giochi del mio piccolo paese natale: Rolo. Nei miei quadri risplendono i racconti, i proverbi, gli scherzi di un mondo contadino. Per quanto riguarda le opere di artigianato mi lascio ispirare dall’eredità di filati e stoffe che mi hanno lasciato mia mamma e mia suocera. Le guardo, le tocco, affiora un ricordo o una suggestione, e nasce un’idea. Mi piace questa idea di legame e continuità con il passato”.

Che progetti hai per il futuro?

“Sono in un periodo di grande fermento artistico, ancora più del solito. Un progetto recente a cui sono particolarmente affezionata è quello delle bambole che nascono come rappresentazione tattile delle mie illustrazioni per bambini. Un altro mio progetto è quello di creare un libro illustrato dedicato a loro, ma anche ai miei racconti e alle mie poesie. E poi mi piacerebbe esporre le mie opere in un contesto particolare, magari a Firenze o a Venezia. Ci sto lavorando. Intanto, continuo a creare”.

Le opere di Marika Benatti si possono vedere su Facebook sulla pagina Casa di bosco, sulla pagina Instagram marika_benatti_art e sul sito www.marikabenatti.com

Chiara Sorrentino