Il Vintage tractors Carpi ha una nuova casa

Il Vintage tractors Carpi, associazione che riunisce una trentina di appassionati di motori e trattori d’epoca ha una nuova casa. E questa mattina, domenica 23 aprile, il sodalizio ha riunito amici, famigliari e amanti delle quattro ruote, per presentare loro la nuova sede di via Nobel, 2.

0
4416

Ci hanno abituato a imprese a dir poco epiche e noi tutti per questo abbiamo imparato ad amarli. Dalla goliardica traversata da Carpi a Torre Pedrera rigorosamente in trattore d’epoca alla distribuzione di dolciumi e caramelle ai bambini delle frazioni carpigiane trasportando su una slitta niente meno che Babbo Natale, al secolo Tiziano Pace Depietri, lo scorso 24 dicembre.  Ebbene ora, uno dei sogni del Vintage tractors Carpi, associazione che riunisce una trentina di appassionati di motori e trattori del passato, si è avverata grazie all’aiuto di tanti e all’entusiasmo e alla determinazione che li accumuna. Questa mattina, domenica 23 aprile, il sodalizio ha riunito amici, famigliari e amanti delle quattro ruote, per presentare la loro nuova casa, in via Nobel, 2. “Qui – ride il presidente Davide Lugli – nasceranno certamente nuove pazze idee”.

Una festa durante la quale poter ammirare trattori che hanno fatto la storia della nostra terra e per trascorrere alcune ore tra amici. A fare gli onori di casa Marco Reggiani mentre a tagliare il nastro, insieme al campione di nuoto Lorenzo Benatti, anche il presidente del Consiglio Comunale di Carpi, Carlo Alberto Fontanesi: “sono un trattorista anche io – ha commentato – in quanto figlio di contadini. Voi state tenendo vivi la tradizione e i valori di questa terra, continuate così”. E tra tanta gioia e un pizzico di commozione la mattina è corsa via velocemente, coi bimbi trainati da uno sbuffante Lilliput mentre nonni e genitori si sono intrattenuti tra chiacchiere, ricordi e una fetta di torta. Una festa semplice, autentica perché le piccole cose, fatte col cuore, sono sempre le più belle. Insomma, come ha più volte ribadito Reggiani, “andate avanti così ragazzi, a tutto gas”, perché la vostra, ha aggiunto Barbara De Giacomi, è “una bella famiglia che riunisce giovani e meno giovani, tutti uniti da un unico desiderio quello di ricordare le nostre radici”. Radici contadine. “Confido in loro, in questi ragazzi” ha concluso un commosso ex trattorista (ma si smette mai di esserlo?) Nellusco Arletti. Che l’avventura continui.

J.B.