Rimossa l’impalcatura sul lato est di Palazzo Pio dopo il fallimento della ditta appaltatrice

Per terminare l’intervento – riguardante opere edili, non di restauro delle superfici decorate, facente capo ad altro appalto – il Comune dovrà indire nuova gara: in particolare, restano da completare i lavori di consolidamento delle strutture nei locali dell'ex teatro Vigarani e delle Stanze del Vescovo, e interventi locali su danni del sisma in alcuni parti del complesso. Per questi motivi le aree interessate dal cantiere interrotto restano inagibili, come i sottostanti bagni pubblici, il cui servizio continuerà a esser garantito da gabinetti chimici in piazzale Re Astolfo. 

0
641

Il ponteggio sul lato est del Palazzo dei Pio è stato completamente smontato, pertanto sono di nuovo utilizzabili su piazzale Re Astolfo l’accesso al Cortile d’Onore e l’ingresso dell’Archivio Storico che, durante le operazioni, erano stati chiusi.

Lo smontaggio è stato eseguito nell’ambito della procedura fallimentare della ditta appaltatrice, la Cooperativa Edile Artigiana s.c. di Parma, che aveva iniziato i lavori nel gennaio 2020, presto interrotti dalla pandemia poi ripresi a singhiozzo; il Tribunale di Parma aveva poi sentenziato il fallimento dell’azienda il 20 luglio scorso.

Per terminare l’intervento – riguardante opere edili, non di restauro delle superfici decorate, facente capo ad altro appalto – il Comune dovrà indire nuova gara: in particolare, restano da completare i lavori di consolidamento delle strutture nei locali dell’ex teatro Vigarani e delle Stanze del Vescovo, e interventi locali su danni del sisma in alcuni parti del complesso.

Per questi motivi le aree interessate dal cantiere interrotto restano inagibili, come anche i sottostanti bagni pubblici, il cui servizio continuerà a esser garantito da gabinetti “chimici” sul piazzale Re Astolfo.