Cortile resta senza medico di famiglia ma l’ambulatorio infermieristico è pronto

Il Comune di Carpi concede in uso gratuito a sei anni (rinnovabili per altri sei) all’Ausl di Modena i locali al piano terra dell'immobile di sua proprietà a Cortile in via Chiesa di Cortile n. 70-72, per collocarvi l’ambulatorio infermieristico. Ben venga il servizio per carità ma anche Cortile, dopo Migliarina, resta senza medico di Medicina Generale.

0
642

Il Comune di Carpi concede in uso gratuito a sei anni (rinnovabili per altri sei) all’Ausl di Modena i locali al piano terra dell’immobile di sua proprietà a Cortile in via Chiesa di Cortile n. 70-72, per collocarvi l’ambulatorio infermieristico.

I locali si erano liberati qualche mese fa per la rinuncia anticipata del medico di base che vi lavorava: ciò ha riaperto il tema della continuità del servizio d’assistenza primaria, pertanto il punto sarà un primo riferimento sanitario per tutta la frazione, dove vivono 456 nuclei familiari, per un totale di 1.156 residenti, dei quali oltre il 26% costituito da anziani.

“Preso atto che il medico ha scelto di lasciare Cortile – commenta Tamara Calzolari, assessore alla Sanità – abbiamo condiviso  l’esigenza di mantenere un presidio sanitario emersa nell’incontro con i residenti di fine gennaio, a sostegno soprattutto delle persone fragili o con difficoltà a spostarsi. Così il Comune si è  subito attivato per agevolare il percorso, mettendo a disposizione gratuitamente  l’ambulatorio e, conclusi alcuni lavori per adattare i locali, sta collaborando con l’Ausl per far partire a breve il servizio, grazie anche alla vicinanza  del dispensario farmaceutico che s’è reso disponibile a rafforzare l’attività”.

L’infermiere di comunità è la figura professionale di riferimento per assicurare assistenza infermieristica ai diversi livelli di complessità, in collaborazione con i professionisti della comunità in cui opera, in primis medici di medicina generale, fisioterapisti, assistenti sociali, specialisti. Ben venga per carità ma anche Cortile, dopo Migliarina, resta senza medico di famiglia.