Genitori o equilibristi?

Oggi, 14 novembre, alle 18.30, presso la Scuola secondaria di 1° grado San Giovanni Bosco di Campogalliano, si terrà un incontro dedicato all’essere genitori tra emozioni, impegni e preoccupazioni.

0
306

Essere genitori è sempre stata un’impresa. Lo è anche al giorno d’oggi, con madri e padri alle prese con emotività, impegni di ogni tipo (sia loro che dei propri figli) e preoccupazioni. Se genitori non è mai stato un gioco da ragazzi, esserlo nel tempo della pandemia e dei lockdown, del conflitto tra Russia e Ucraina alle porte dell’Europa, potrebbe apparire particolarmente complesso. D’altra parte, grazie a, e a causa del web, nella storia dell’umanità i giovani sono esposti, come mai fino ad ora, a una fonte potenzialmente sterminata di stimoli di ogni tipo.

Essere genitori significa dunque, in un certo senso, essere ‘equilibristi’, mantenere cioè un bilanciamento tra tutti gli elementi che compongono la genitorialità, tra se stessi come individui dotati di aspettative, desideri e necessità, i propri figli, con le loro particolari esigenze, e il mondo circostante, nel quale sono immersi. 

Del tema si parlerà lunedì 14 novembre alle ore 18.30 a Campogalliano, nel corso di un incontro pubblico dedicato proprio ai genitori, e promosso dal Centro per le Famiglie dell’Unione delle Terre d’Argine nell’ambito del ciclo l’Avventura di educare.

A condurlo, le psicologhe e psicoterapeute Chiara Salsi e Maria Chiara Sacchetti.

L’appuntamento, che si terrà presso la Scuola secondaria di 1° grado San Giovanni Bosco, al civico 2 di via Barchetta, è a partecipazione gratuita, e iscrizione obbligatoria al seguente link: https://tinyurl.com/yedvhp6m