Incendio a Novi di Modena: famiglie intrappolate sui balconi

Sono una trentina i residenti della palazzina che hanno dormito nella palestra dove la Protezione Civile ha allestito in tempi record letti e una cena a base di pizza dal momento che numerosi sfollati non avevano ancora cenato quando hanno dovuto abbandonare i propri appartamenti. Questa mattina dopo la colazione, alcuni si sono recati al lavoro mentre altri sono rimasti in attesa dei risultati dei sopralluoghi in corso, tesi a verificare l’agibilità dell’edificio.

0
2480

Un rogo si è sviluppato intorno alle 19,50 in un appartamento di una palazzina in via Fratelli Rosselli a Novi di Modena: decine le telefonate pervenute alla Sala Operativa 115 del Comando di Modena per richiedere soccorso. Le fiamme si sono sviluppate al quarto piano di un palazzo di sei:  numerose le famiglie bloccate negli appartamenti a causa del denso fumo che aveva invaso le scale e che chiedevano aiuto. I Vigili del fuoco giunti sul posto con tre squadre hanno iniziato a spegnere l’incendio e a recuperare le persone che avevano trovato rifugio sui balconi. 

Complessivamente una ventina quelle soccorse dai Vigili del Fuoco e affidate a sanitari 118 per accertamenti, tra loro molti bambini. Altre trenta pare si siano messe in salvo autonomamente o con l’aiuto dei Carabinieri della locale Stazione. 

L’appartamento interessato dal rogo, così come quello sovrastante, ha riportato danni ingenti.

In via precauzionale, anche a causa del forte odore di fumo, nessun residente è stato fatto rientrare e il Comune ha predisposto l’accoglienza in una palestra dove passare la notte.

Sono una trentina i residenti della palazzina che hanno dormito nella palestra dove la Protezione Civile ha allestito in tempi record letti e una cena a base di pizza dal momento che numerosi sfollati non avevano ancora cenato quando hanno dovuto abbandonare i propri appartamenti. Questa mattina dopo la colazione, alcuni si sono recati al lavoro mentre altri sono rimasti in attesa dei risultati dei sopralluoghi in corso, tesi a verificare l’agibilità dell’edificio.